• MW SUGGESTIONS •

Strada barocca dell'Alta Svevia: sulle tracce degli angeli

Data pubblicazione : 21/09/2017     
Autore : Franca D.Scotti,


Lungo i circa 500 chilometri della Strada barocca dell'Alta Svevia, che si snoda da Ulma sul Danubio fino a Friedrichshafen sul lago di Costanza, cultura e natura si intrecciano in un connubio tutto speciale.

Il viaggio lungo questo itinerario circolare, che ha come logo il volto di un putto giallo su sfondo verde ed è suddiviso in quattro percorsi, rappresenta un piacere per i sensi. Qui si va alla scoperta del "Regno del barocco!".

Uno sfarzo sontuoso: affreschi visionari sui soffitti delle chiese, forme generose, colori vivaci, santi paffuti, figure di angeli che fluttuano sulle cupole inondate di luce, l'oro e il bianco degli stucchi dall'effetto quasi accecante, un soffitto affrescato che sembra catapultare nell'olimpo degli dei greci.

Lungo questo itinerario che si snoda tra il Giura Svevo e le Alpi dell'Algovia, tra il Danubio e il lago di Costanza, si potranno  visitare sfarzosi castelli, monasteri e chiese in stile barocco, ma anche tantissime fortezze e musei interessanti, che meritano una visita solo per il loro pregio architettonico e gli arredamenti.

Alcuni castelli sono ancora abitati da famiglie nobili; altri sono aperti al pubblico e ospitano musei con mostre temporanee o offrono splendidi panorami. In nessun'altra regione si registra un influsso barocco così marcato, ma anche la natura con il suo paesaggio collinare dona un tocco magico all'Alta Svevia, dove tutto si fonde in un'opera d'arte a 360 gradi.

Durante il viaggio lungo la Strada barocca dell'Alta Svevia si scopre  che qui le tradizioni sono ancora vive, basti pensare alla processione della Domenica delle Palme e del Corpus Domini, alla sfilata dei cavalieri, ai festival all'aperto, al carnevale o agli eventi musicali.

Si può partecipare a una cena barocca per scoprire come si mangiava e si beveva nel XVII e nel XVIII secolo oppure alla ricostruzione di un banchetto medioevale: eventi  da gustare direttamente, impossibili da descrivere.





Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia: un "tuffo nel passato"Siena: un sogno dentro le mura