• MW SUGGESTIONS •

QUESTO WEEKEND TI PORTO... A PISTOIA!

Data pubblicazione : 05/05/2016     
Autore : Antonio Sarti


Pistoia è capoluogo di un territorio tanto vasto e montuoso quanto interessante: non è un caso se già nell´800 fu progettata e poi realizzata la ferrovia Pistoia-Porretta Terme-Bologna, un´opera ingegneristica di alto livello che per più di un secolo ha portato un forte afflusso di turisti in città.
Pistoia sarà inoltre capitale italiana della cultura per il 2017, quindi meglio portarsi avanti e iniziare a scoprire le molteplici bellezze che conserva, sicuramente ci tornerete una seconda volta per i tanti eventi che costelleranno il prossimo anno.


Piazza Duomo è uno tra gli scenari architettonici più belli d´Italia, con diversi edifici che ne fanno da cornice naturale: la Cattedrale di San Zeno è il più celebre, anche per il doppio incendio che la distrusse nel corso dei secoli; l´aspetto attuale è del XIV secolo, e il suo stile non si discosta molto da quello fiorentino né da quello senese.
La torre del campanile, che si trova sul lato sinistro della cattedrale, è indubbiamente di una bellezza unica: realizzata in marmo verde e in pietra calcarea, presenta una suddivisione in piani irregolare e trova un modello molto simile nella torre campanaria di San Nicola a Pisa.
Suggestivo, soprattutto dopo il tramonto, è il battistero (anche conosciuto come “ritondo”): costruito sul sito originario di una antica chiesa longobarda, risale al 1300 ed è considerato l´esempio perfetto dello stile gotico toscano, riunendo in sé le caratteristiche tipiche del gotico senese e pisano.

Pistoia non è solo gotico, basta uscire qualche chilometro dal centro cittadino e il paesaggio si riempie di ville che punteggiano il territorio della provincia, sul modello delle ville palladiane a Vicenza: vi consigliamo ad esempio una visita alla celebre Villa Rospigliosi di Lamporecchio.
Questa elegante e sontuosa costruzione nasconde una storia prestigiosa: il Cardinale Giulio Rospigliosi, cui si deve il nome della villa e che divenne Papa con il nome di Clemente IX, la fece costruire per la propria famiglia, in fuga dall´oppressione del Barbarossa che minacciava la natia Lombardia. Non di secondo piano è il progetto edificatorio, che pare essere attribuito a Gianlorenzo Bernini e realizzato poi da un suo allievo. Papa Clemente in realtà non la vide mai, morì infatti nello stesso anno in cui iniziarono i lavori.


Pistoia è presente anche nella Divina Commedia di Dante, citata a causa di un suo cittadino: Vanni Fucci, personaggio pistoiese del 1200, viene infatti collocato dal sommo poeta nella bolgia dei ladri, per aver compiuto un furto sacrilego al Duomo di Pistoia; pare, dalle fonti storiche, che la storia corrisponda a realtà. Vanni Fucci avrebbe davvero rapinato la cattedrale di arredi sacri e oggetti preziosi, ma la colpa sarebbe in realtà stata attribuita ad altri.

La cucina tipica pistoiese
Nonostante la vicinanza con una città “ingombrante” sul piano turistico come Firenze, Pistoia sa offrire una propria cucina molto caratterizzata e che vi sorprenderà: lo stocafisso al sugo, piatto tipicamente marittimo, è invece uno dei punti forti di una città collinare come il capoluogo pistoiese.
“Il carcerato” è lo strano nome con cui viene identificato invece uno dei primi piatti più apprezzati della città: si tratta di una zuppa di pane raffermo bollito in un brodo di interiora di carne con aggiunta di verdure e formaggio grattato. Sul perché di un nome tanto insolito lasciamo un velo di mistero e vi invitiamo a chiedere in loco.
Tra i dessert, oltre agli immancabili brigidini che caratterizzano l´intera Toscana, non può mancare un assaggio di Berlingozzo, dolce a forma di ciambella preparato usualmente per il carnevale.

Un posto per mangiare
Le zie del Lampredotto, via IV Novembre 45 – Pistoia
In zona stazione ma comunque a due passi dal centro, cucina tipica casalinga di ottimo livello. Impossibile uscirne delusi.

Un posto per dormire
Hotel Villa Cappugi, via di Colle Gigliato 45 – Pistoia
Suggestiva location ai piedi delle colline e a soli tre chilometri dal centro cittadino, offre un relax assoluto e una piscina per l´estate.





Four Seasons Private Jet: al top del lusso Primavera a Friburgo in Brisgovia: fra shopping e golosità