• MW SUGGESTIONS •

Malta capitale delle immersioni

Data pubblicazione : 10/08/2016     
Autore : Franca Scotti



Tra le mete più amate del Mediterraneo, Malta offre al turista diver condizioni eccellenti di assistenza, acque limpidissime e siti ricchi di flora e fauna marine, oltre ad una serie di servizi unici
L’agenzia Europea per l’Ambiente ogni anno classifica le acque balneabili di Malta come eccellenti e l’arcipelago puntualmente rientra tra le Best Diving Destination nella top chart stilata dai lettori di Diver Magazine UK.
Il mare di Malta è di una limpidezza incredibile, e grazie agli altissimi standard dei servizi offerti, l’isola è una destinazione pronta ad accontentare le esigenze di tutti gli amanti del mondo sottomarino.
L’arcipelago maltese ospita ben 50 centri diving certificati in grado di fare proposte a diver con ogni livello di preparazione: dai corsi per principianti, all’accompagnamento nelle immersioni più impegnative. Oltre ai brevetti più diffusi e all’organizzazione di una grandissima quantità di escursioni attorno le isole, alcuni centri maltesi sono anche in grado di offrire servizi ed attrezzature utili all’immersione di clienti con disabilità.
La costa frastagliata, le grotte ed i tunnel, sono regali che la natura ha creato per il divertimento dei sub e ne è un esempio quella che forse potremmo considerare l’immersione emblematica di Malta. A poca distanza dalla Azure Window, il famosissimo monumento naturale di roccia a Gozo, ci si immerge nel Blue Hole, una formazione rocciosa scolpita nei secoli dal vento, larga non più di 5 metri, e nuotando sott’acqua tra le grotte ricoperte di stelle marine e protule tubolarie, attraverso un grande passaggio a forma di arco, si può raggiungere il mare aperto.
Molti diver però amano Malta per un’attrattiva locale peculiare: la presenza di numerosi relitti sommersi attorno ai quali molte forme di vita marina hanno trovato nuovo habitat, dando origine ad ecosistemi composti da coloratissime flora e fauna.
Alcuni relitti sono storici come la nave da guerra Maori che fu affondata da una bomba nel 1941 nel porto di Valletta e che ora si trova ad una profondità di appena 12m, vantando una delle colonie di pesci più ricche dell’arcipelago.
Ma ci sono anche relitti nuovi che sono stati immersi appositamente per creare nuovi scenari per gli amanti del genere, come il relitto del Karwela, affondato nel 2006 in località Xatt l-Ahmar, al largo di Gozo.
Una curiosità: sul ponte del Karwela, è possibile osservare anche la carrozzeria di un Maggiolino Wolkswagen, naturalmente prima bonificato e poi appositamente immerso per entrare a far parte dell’habitat della colonia ittica locale.
Immergersi a Malta è quanto mai facile perché la maggior parte dei siti è a breve distanza dalla costa e raggiungibile a nuoto e non è quindi necessaria un’imbarcazione.
Ulteriore conferma, infine, che Malta sia un polo centrale nel mondo diving internazionale è data dalla presenza della sede legale del DAN Europe (Divers Alert Network Europe) che, con oltre 100.000 iscritti in Europa, è la principale organizzazione internazionale che si occupa di medicina e ricerca scientifica con lo scopo di promuovere la sicurezza dei subacquei.
DAN Europe ha recentemente creato a Malta anche l’International Institute of Diving Medicine and Safety, polo di eccellenza per lo studio scientifico relativo alle problematiche mediche dei diver.
È possibile consultare l’elenco completo dei diving centre maltesi al sito della Professional Diving Schools Association

www.pdsa.org.mt
www.visitmalta.com





IN SOLE 24 ORE: I CASTELLI DEL PIACENTINOValdidentro, una Perla Alpina in Alta Valtellina