• MW SUGGESTIONS •

Isole Cook . Il paradiso? E’ di questo mondo

Data pubblicazione : 13/05/2014     
Autore : Franca D.Scotti


Navigazioni nella laguna, vita da spiaggia, lunghe nuotate nel blu, lento dondolio sulle  onde in contemplazione dei fondali….
Le Isole Cook sono un angolo di Pacifico del Sud che bisogna visitare almeno una volta nella vita.
Non solo perché sono il paradiso per  chi ama sole e mare intatto, ma anche perché offrono  innumerevoli emozioni , difficili da raccontare …..
Certo un turismo unconventional!Preparare  pinne e maschere, prima di tutto!
Le barriere coralline che circondano gli atolli delle Isole Cook, chiusi in grandi piscine naturali e ricchi di pesci tropicali, coralli rossi e tartarughe marine, sono sicuramente una delle prime tappe da non  perdere.
È sufficiente avere una maschera e un paio di pinne, per nuotare nel blu del Pacifico e ammirare l’incredibile vita sottomarina. Mentre quanti desiderano esplorazioni più profonde, a Rarotonga troveranno numerosi centri di immersione che propongono diving a tutti i livelli.
Nelle acque turchesi della Laguna di Aitutaki, che lambiscono la sabbia corallina della costa, si ha la sensazione di essere avvolti dal profumo della terra, del mare e del mondo sommerso; non esiste altro luogo così idilliaco, da scoprire a bordo di imbarcazioni che attraversano acque trasparenti per raggiungere i diversi atolli, tra cui One Foot Island, spesso cornice ideale scelta dai più romantici per celebrare il  proprio matrimonio.
Per  alternare giornate di mare con splendide passeggiate nelle foreste dell’entroterra, ci si affida  al simpatico e mistico Pa, ‘the medicine man’, che  potrà spiegare le proprietà delle erbe officinali autoctone di Rarotonga. Immersi nella lussureggiante foresta tropicale che ricopre l’interno dell’isola di Atiu, si potrà  in alternativa, visitare Anatakitaki, la più grande e spettacolare grotta delle Cook, o andare alla scoperta di pennuti esotici in compagnia dell’ornitologo George.
Imperdibile anche il periplo dell’isola di Rarotonga:  un unico anello stradale lungo 33 km, lambito, da una parte, da ampie spiagge di sabbia bianca, resort e lagune paradisiache, dall’altra da una fitta foresta dominata da picchi inaspettati.
Un po’ di shopping:  per non perdere proprio  niente!Dai classici ukulele, a vestiti e parei, da sculture di legno, conchiglie lavorate, gioielleria alle preziose perle nere, di cui le Cook sono tra i principali produttori al mondo: il sabato dalle sei a mezzogiorno è di rigore fare un giro al Punanga Nui Cultural Market di Rarotonga, un’esperienza piacevolissima, profumata e colorata.





Costa Smeralda: a vele spiegate tra Virgin Gorda e Porto CervoPorto Cervo: un’isola nell’isola