• MW SUGGESTIONS •

Il Perù più autentico con Vuela

Data pubblicazione : 13/07/2016     
Autore : Franca D.Scotti


Un tour di 17 giorni tra i gioielli naturalistici ed archeologici del Perù con la possibilità di alloggiare presso una comunità andina e di estendere il viaggio nella riserva amazzonica di Pacaya Samiria
Oltre agli itinerari più classici o dedicati al lusso, il nuovo catalogo Perù di Vuela presenta anche soluzioni che prevedono esperienze a diretto contatto con le popolazioni locali, la loro cucina e le loro antiche tradizioni. Senza dimenticare gli aspetti naturalistici meno conosciuti.
E’ il caso del tour “Il Perù più autentico”: 17 giorni/15 notti tra Lima-Paracas-Nazca-Arequipa-Colca-Puno-Taquile Puno-Cusco-Patabamba -Valle Sacra-Aguas Calientes-Cusco con la possibilità di estendere il viaggio di tre giorni nella foresta di Pacaya Samiria che si raggiunge in barca da Iquitos.
Si potranno ammirare i leoni marini, i pellicani, i pinguini, gli altri uccelli tipici delle Isole Ballestas e il Candelabro, una misteriosa figura gigantesca che ricordale Linee di Nazca. Ci si inoltrerà nel Deserto di Ica a bordo di Dune Buggies 4x4, dove ci si potrà cimentare con il Sandboard, sciando sulla sabbia con la tavola, per poi ammirare un tramonto superbo.
Tante le esperienze a seguire: le linee misteriose di Nazca, Arequipa con il convento di Santa Catalina, il Colca, il canyon più profondo al mondo, le Isole Galleggianti degli Uros, antico popolo pre-incaico del Lago Titicaca e Taquile, abitata dal popolo Quechuas, Puno e il villaggio di Ayaviri con il tempio di Kalasaya, le rovine dell’antica cultura Pucara.
Dopo aver visitato Cusco, ci si inoltrerà lungo il sentiero del Ccorao per raggiungere la comunità di Patabamba dove si alloggerà ospiti dalle famiglie del villaggio e si avrà modo di conoscere i segreti della loro antica arte tessile. E poi la Valle Sacra, il mercato indigeno del villaggio di Pisac, dove è possibile conoscere meglio gli usi e i costumi degli abitanti, senza contare l’emozione di trovarsi poi al cospetto del Machu Picchu. 
Chi lo desidera potrà trascorrere tre giorni nella foresta amazzonica di Pacaya Samiria, la “foresta degli specchi” per via degli infiniti riflessi sull’acqua, magica e incontaminata, esplorandola anche in barca con la possibilità di avvistare gli eleganti delfini rosa e grigi di fiume, che possono arrivare a misurare fino a due metri e mezzo, e l’emozione di navigare fino alla confluenza dei fiumi Ucayali e Marañón nella depressione geologica di Ucamara, dove nasce il Rio delle Amazzoni.





Con Eden Made “Il meglio della Patagonia”Appuntamento in Versilia al Grand Hotel Principe di Piemonte