• MW SUGGESTIONS •

MODELS: FABIO MANCINI

Data pubblicazione : 08/03/2017     
Autore : Silvia Cutuli


Lo abbiamo intercettato a Milano, dove tra una corsa a parco Sempione e una nuotata in piscina, si è ritagliato una carriera da record nel fashion system internazionale, con una menzione speciale alla corte di Re Giorgio (Armani). Primo italiano nella classifica di models.com che lo annovera tra i 25 ragazzi più sexy del pianeta vicino a David Gandy e ai top models mondiali Jon Kortajarena e Sean O'Pry,  Fabio Mancini - classe 1987, nato in Germania ma notate bene da papà di origini pugliesi (e mamma di origine indiana) – non si sente un supereroe, semmai un privilegiato, una persona normalissima anche se lavora ad altissimi livelli. E una chiacchierata con lui non può che confermarlo.

Come si diventa un modello da record?
Con molta pazienza e determinazione, qualità che i ragazzi giovani che intraprendono questo mestiere spesso non hanno presi a voler arrivare subito, anche per via dello stress di essere rimbalzati ai casting e non è facile. Ma a loro consiglio di aspettare il momento giusto, non cercare il tutto e subito. Io ho avuto una storia un pò diversa: facevo il commesso, sono stato scoperto per strada e catapultato nel fashion system e ora vivo la mia carriera non come una vittoria, ma piuttosto come una rivincita personale. Non ho avuto una storia familiare facile, sono dovuto crescere troppo in fretta e ho imparato presto a cavarmela da solo. Ma quello che mi sento di dire anche ai numerosi followers che seguono la mia storia attraverso i social, è che non siamo supereroi, nè salviamo vite. Siamo solo privilegiati. Persone normalissime, anche se lavoriamo ad altissimi livelli.

Il tuo record: sette campagne consecutive per Giorgio Armani (Armani Jeans ed Emporio Armani ed Emporio Armani underwear) in quattro anni, e 33 volte in passerella sempre per Re Giorgio. Parliamone...
La prima sfilata per Armani è stata in assoluto la più bella. Ricordo gli occhi di Giorgio Armani che mi hanno trasmesso una tale forza e passione per il lavoro senza bisogno di tante parole. Ricordo che prima di entrare in passerella mi ha fatto un cenno di incoraggiamento anche perchè ero uno dei pochi italiani. Armani non parla moltissimo nel lavoro, ma con pochi gesti e sguardi ti arriva dritto il suo messaggio. Ci vuole molta tenacia per mantenere una carriera al top anche perchè ogni giorno devi confrontarti con gli uomini più belli del mondo.

E a proposito di bellezza: nel tuo caso è un dono di natura, ma come si coltiva nel tempo?
Adoro lo sport da sempre e curo la mia forma fisica, tanto che quando ho tempo adoro correre a parco Sempione la mattina o la sera sul tardi, ma sappiate che non rinuncio a una pizza in compagnia!  Se non avessi fatto il modello sarei diventato un professore di educazione fisica (ho frequentato la Facoltà di Scienze Motorie a Torino) lavorando in particolar modo con i bambini, che adoro.
Per quanto riguarda il mio look fuori dalle passerelle, devo dire che molto devo a mia mamma che è di orgine indiana e mi ha trasmesso l'amore per l'etno style. Così che uno dei miei abbinamenti preferiti è proprio una giacca armaniana indossata con un pantalone ampio dal sapore etnico.

Buoni propositi per il tuo futuro?
La moda sicuramente. Vorrei una famiglia, dei figli e una moglie che mi ami per sempre! Pensate che la mia icona di stile femminile è mia nonna. Vedevo ogni estate nella sua casa una gigantografia di lei da giovane dove sembrava una diva di Hollywood e ho sempre cercato donne che le assomigliassero. Il calore famigliare è ciò che è mancato nella mia vita, amare con il cuore, con l'anima come al Sud Italia sanno fare. E anche se sono nato in Germania in questo mi sento molto italiano, anzi direi proprio meridionale. Lo so bene perchè mio papà è di Castellaneta e lì vado spesso in vacanza d'estate. C'è poi Acerno nel salernitano che è il posto che amo di più in assoluto dove vivono i miei zii che considero i miei genitori adottivi. E' un paese tra i monti picentini dove vado almeno una volta l'anno quando scappo dalla mia realtà quotidiana.





8 accessori must per la primavera-estate 2017ALLACCIATE LE CINTURE! PRONTE PER IL DECOLLO DEL VIAGGIO NELLO SPAZIO DI CHANEL?