• MW SUGGESTIONS •

IL MADE IN ITALY SFILA OLTRE CONFINE

Data pubblicazione : 15/11/2017     
Autore : Silvia Cutuli


Lo stile italiano vola a Tashkent rinsaldando i 25 anni di rapporti diplomatici tra l'Italia e l'Uzbekistan e lo fa con la mostra "60 anni di Made in Italy" allestita allo State Art Museum fino al prossimo 15 gennaio.

La maestria italiana passa per creazioni iconiche in grado di segnare negli anni la storia della moda come del costume: dal pijama palazzo tenuto a battesimo da Irene Galitzine, all'abito talare di Anita Ekberg nella Dolce Vita, al Jungle Dress di Donatella Versace per Jennifer Lopez, alla creazione haute couture di Antonio Grimaldi, volato in Uzbekistan per ammirare la parata dei nostri grandi nomi conosciuti e riconosciuti nel mondo.

Si snoda invece sul filo della "sacralità" della terra di Basilicata l'evento di moda ma non solo, che martedì 21 novembre andrà in scena presso la Residenza dell’Ambasciata d’Italia a Bruxelles. A raccontare la bellezza di una terra magica, ricca di tradizioni, arte e sapere intessuti con il sacro della cultura popolare, saranno le creazioni di alta moda firmate dal couturier lucano Michele Miglionico, che per la prima volta a Brussels presenterà la collezione "Madonne Lucane". Trenta outfit che esaltano attraverso l'alto artigianato, la sacralità delle figure femminili venerate in Basilicata, in un incontro di sacro e profano sul filo dell'haute couture.

Vola invece a Dubai, Renato Balestra, dove sfilerà durante l'Arab Fashion Week il prossimo 17 novembre con la sua Princess Collection nel segno di una couture da mille e una notte.





Love Therapy è onlineH&M Holiday 2017: un film con Nicki Minaj