• MW SUGGESTIONS •

Quattro dame regine dell'autunno milanese

Data pubblicazione : 16/09/2014     
Autore : Bruna Meloni


Sono quattro le signore del ʼ400 che, per la prima volta dalla loro creazione, si sono riunite nelle sale del Museo Poldi Pezzoli di Milano - dal 7 novembre e fino al 16 febbraio 2015 - per la mostra “Le Dame dei Pollaiolo – Una bottega fiorentina del Rinascimento”
Ritornata a casa lo scorso 25 luglio dopo la sua trasferta giapponese, la Dama del Poldi Pezzoli, icona dello stesso museo, eʼ stata raggiunta dagli altri tre ritratti femminili firmati Antonio e Piero del Pollaiolo, provenienti dalla Galleria degli Uffizi di Firenze, dalla Gemäldegalerie di Berlino e dal Metropolitan Museum of Art di New York. Accanto alla raffinata bellezza di queste quattro donne sono esposte unʼaltra trentina di opere della bottega dei Pollaiolo, con lʼintento di indagare meglio sulle figure di questi due celebri artisti del primo Rinascimento italiano.

Lʼesposizione è dunque anche lʼoccasione per poter ammirare alcuni preziosi capolavori provenienti dalle botteghe di due dei più importanti artisti del Rinascimento fiorentino, Antonio e Piero del Pollaiolo, attraverso una serie di opere di grande qualità, rappresentazione dei diversi campi nei quali i fratelli operarono e dellʼampiezza dei loro interessi e dei loro talenti.

Durante il periodo della mostra le signore milanesi saranno coinvolte in appuntamenti speciali ed esclusivi, come shooting fotografici che verranno allestiti in alcuni dei luoghi simbolo di Milano e che vedranno impegnati alcuni famosi
professionisti della scena nazionale (Neige de Benedetti, Maki Galimberti, Giovanni Gastel, Maria Mulas e Massimo Zingardi) accanto a giovani promettenti fotografi. Il pubblico femminile, invitato a disporsi di profilo, sarà protagonista di scatti che verranno poi diffusi on line, sui media istituzionali del Museo e su alcune delle principali testate nazionali.
Mostra storica, questa al Poldi Pezzoli, curata da Aldo Galli e Andrea Di Lorenzo. Quattro anni di lavoro, partiti da un sogno che ora si realizza: costruire unʼesposizione mai vista intorno allʼopera icona del Poldi Pezzoli, appunto la «Dama» dei Pollaiolo, scelta come simbolo della galleria con un sondaggio condotto tra il pubblico nel 1958.

Storica perché intorno allʼevento hanno fatto rete istituzioni pubbliche e private con il consenso di tanti personaggi della cultura, coinvolti in dibattiti e spettacoli:Lella Costa, Lina Sotis, Andrée Ruth Shammah, Massimiliano Finazzer Flory, Philippe Daverio e molti altri.
Tra gli sponsor ci sono invece Fondazione Bracco, Fondazione Cariplo, Fondazione Corriere della Sera, Regione Lombardia e casa editrice Skira.
Storica, infine, per i nuovi studi e indagini, condotti anche con le più moderne tecnologie: una mostra di ricerca, che ha convinto prestatori di lusso come il Louvre o il Metropolitan.





Valentina Cortese week al Teatro S. BabilaNOVECENTO apre la stagione al Teatro Libero