• MW SUGGESTIONS •

PERCHE' ANDARE A VEDERE "A QUIET PLACE"

Data pubblicazione : 12/04/2018     
Autore : Redazione MW



Perché il soggetto di questo horror è, una volta tanto, originale e convincente: non c'è il solito maniaco omicida e nemmeno un qualche serial killer che spia nell'ombra. C'è invece un futuro distopico in cui il silenzio vale la propria vita.
Perché nonostante sia un horror non riempie lo schermo con scene splatter: la violenza e il sangue sono secondari e conseguenza di errori e distrazioni dei protagonisti. Allo stesso modo, il regista John Krasinski sviluppa molto bene i personaggi e li caratterizza anche nei rapporti interpersonali, cosa non scontata per questo genere di film.
Perché non gioca a volerci spaventare ogni trenta secondi: la tensione è dosata e calibrata nei punti giusti, ed è capace di farti veramente sobbalzare dalla poltrona. Piacerà anche ai non amanti del genere, perché racconta prima di tutto una storia, e la racconta molto bene.





IL NUOVO ROMANZO DI ELIZABETH JANE HOWARDTUTTI I VINCITORI DI "CANNESERIES"