• MW SUGGESTIONS •

ZWITTERION: RUBEN PANG ALLA GALLERIA PRIMO MARELLA

Data pubblicazione : 28/11/2016     
Autore : Alice Civai


Dal 25 novembre al 27 gennaio la galleria Primo Marella presenta Zwitterion, la prima personale italiana di Ruben Pang.


Pang, nato a Singapore nel 1990, ha rapidamente conquistato l´attenzione internazionale, come dimostrano le numerose partecipazioni ad esposizioni collettive e da diverse personali tenutesi sia in Asia che in Europa. 
A riguardo è interessante notare che fu uno dei partecipanti all´esposizione collettiva Deep S.E.A. - Contemporary Art from Southeast Asia svoltasi ancora presso la galleria Primo Marella nel 2012; in tale occasione venne ritenuto non solo il più giovane ma anche il più promettente tra tutti gli artisti in mostra.
Zwitterion comprende una serie di dipinti accompagnati da diverse sculture ceramiche, contraddistinti da colori vividi e un caratteristico tratto che rimane sospeso tra il figurativo e l´astratto. Le eleganti linee di vernice lasciano sempre intravvedere nelle composizioni la figura umana, che resta celata ad un primo sguardo per rivelarsi con tutta la sua forza espressiva non appena l´occhio si abitua all´impatto con i toni vivaci delle vernici.


“Zwitterione”
è il termine tecnico per indicare una molecola elettricamente neutra nel suo complesso che presenta però al suo interno sia cariche positive sia cariche negative. Il lavoro che Pang si propone di svolgere è una personalissima analisi e interpretazione delle pulsioni e dei conflitti interiori che risiedono spesso nel subconscio umano e che si possono scovare solo andando oltre le apparenze, leggendo tra le righe di ciò che viene solitamente espresso in una conversazione. Nonostante la profondità e l´introspezione che stanno alla base delle opere qui presentate, la mostra è caratterizzata dall´immediatezza: l´osservatore si trova subito immerso nella visone dell´arte e della vita dell´artista, un´espressione sincera e coinvolgente del suo carattere energico e giovane ma allo stesso tempo riflessivo.
Le opere esposte alla Primo Marella creano un interessante collegamento tra classicità di riferimenti e sperimentazione: Pang dichiara infatti che il punto di partenza della sua riflessione è stato l´opera di Seneca dedicata alla Provvidenza, elemento che non gli ha impedito di lavorare con materiali e colori decisamente contemporanei.
La sua passione e la sua giovane età lo rendono dunque un artista interessante e da “tenere d´occhio”, iniziando con una visita a questa sua personale milanese, aperta fino al 27 gennaio.





MANET. RITORNO A VENEZIAWIKIPIERA AL PARENTI