• MW SUGGESTIONS •

LA GRANDE ARTE DELL'ANNO, E NON SOLO, IN CITTA'

Data pubblicazione : 20/01/2017     
Autore : Bruna Meloni


Ci aspetta un anno straordinario dal punto di vista artistico. E' quanto e' emerso dalla presentazione delle esposizioni d'arte promosse dal Comune di Milano effettuata a Palazzo Marino dal sindaco Sala e dall'assessore alla cultura Del Corno. Le sedi espositive e museali della nostra citta' vedranno una programmazione estremamente articolata che si interseca con la vivacita' della vita culturale cittadina offrendoci un ventaglio di iniziative di grande interesse e mai banali. Si tratta di ben trentacinque mostre in undici musei fra civici e privati.


Il programma di Palazzo Reale ci incanta fin dalle prime mostre. Keith Haring dal 21 febbraio con una esposizione che percorre la sua intera vita artistica; segue, dall' 8 marzo, Edouard Manet con capolavori provenienti dal Museo d'Orsay. Dal 24 marzo, in occasione della visita del santo Padre in citta' “Arte e spiritualita' in Italia” con opere provenienti dai Musei Vaticani e dalla Fabbrica di San Pietro e in concomitanza “Charlotte Salomon. Vita? o Teatro?”. In attesa della grande mostra con 20 eccezionali opere di Caravaggio che verra' inaugurata il 28 settembre, abbiamo ancora “La Rinascente 100 anni” dal 23 maggio e Vincenzo Agnetti e Giancarlo Vitali da giugno.
Particolarmente spettacolare sara' la mostra “Sfilata in Palcoscenico” che mette in mostra per la prima volta in assoluto 24 costumi disegnati da grandi costumisti per opere rappresentate alla Scala. L'anno di Palazzo Reale termina con Toulouse-Lautrec, a partire da ottobre.


Al MUDEC , a partire da marzo avremo in contemporanea una bellissima mostra su Vassilij Kandinskij, un'esposizione sui Dinosauri, giganti dall'Argentina e una raccolta di testimonianze e documenti sulla storia della comunita' cinese a Milano dal titolo “Chinamen”. Da settembre, invece, avremo la possibilita' di esplorare la vita quotidiana e religiosa di personaggi illustri, dei e persone comuni dell'antico Egitto in una mostra intitolata appunto “Egitto”.
 
Passiamo ora alla GAM che, come noto, in questi ultimi anni ha lavorato molto sulla scultura. Da fine marzo grandi Maestri come Canova, Thorvaldsen, Grandi, Puttinati, Cacciatori, Wildt e Vela ci raccontano con 100 opere la storia della scultura milanese dal 1815 al 1915 nella mostra “100 ANNI. La scultura a Milano”.
Da dicembre, poi una rassegna completa e monografica di un artista protagonista del Neoclassicismo: “Andrea Appiani – Pittore di corte”.

Grande rosa di eventi anche al PAC: la prima, da fine marzo, e' una mostra antologica mai realizzata in Italia di un grande artista contemporaneo spagnolo “Santiago Serra. Mea culpa”.
Da fine giugno un'esposizione che indaga l'arte africana oggi: “Africa. Raccontare un mondo”. E ancora dal 3 ottobre “Io, Luca Vitone” che esplora l'intensa e varia produzione dell'artista genovese e, da dicembre, “Gregotti Associati. Un progetto integrale”.
Vi segnaliamo, inoltre, una retrospettiva volta ad illustrare il mondo di Manolo Blanik dal titolo “Manolo Blanik. The art of shoes”.


Naturalmente a Palazzo Morando – Museo del Costume, Moda e Immagine – dal 26 gennaio.
Sono inoltre in programma, durante il corso dell'anno, quattro mostre allo Studio Museo Francesco Messina e due alla Casa Museo Boschi di Stefano.

Concludiamo il 2017 segnalandovi “Archeologia del Cenacolo” al Castello Sforzesco dal 21 marzo, “Milano in Egitto” al Museo Archeologico e, al Museo del Novecento, “Andy Warhol. Sixty Last Suppers” e “New York New York! Artisti italiani negli Stati Uniti dal 1930 al 1968”.

E per l'anno seguente? Nel 2018 avremo Frida Khalo, Albrecht Durer, Salvador Dali, Lucian Freud, Carlo Carra', De Chirico e Picasso.

Come sempre, vi daremo conto di ogni singola mostra.





È SOLO LA FINE DEL MONDO - XAVIER DOLANL'ARCHITETTURA DA UN ALTRO PUNTO DI VISTA