• MW SUGGESTIONS •

IZIA BY SISLEY : LA FRAGRANZA FIRMATA ISABELLE D'ORNANO

Data pubblicazione : 15/02/2017     
Autore : Paola Luchetti


Izia, che si pronuncia “Ijia” è il diminutivo di Isabelle in polacco ed è il nome con cui Madame d’Ornano si firmava da ragazza, quando ancora viveva in un palazzo nell’entroterra della Polonia.
La storia è affascinante perché la fragranza nasce proprio da un ricordo di giovinezza della stessa Madame d’Ornano, che durante una vacanza nella sua casa in Polonia, sentì un profumo inebriante sprigionarsi da una rosa dai petali carnosi e dai riflessi dorati. Decise quindi di trapiantarle e farne un roseto nella sua villa in Francia.
Un giorno di maggio, mese in cui queste rose si schiudono, Isabelle fu incantata dal loro profumo e decise di inviarne un mazzo avvolto in una carta di giornale, ad Amandine Clerc-Marie chiedendole di ricreare esattamente quel profumo inconfondibile. Amandine le ha lasciate sfiorire in casa interiorizzando ogni sfumatura evocativa, facendo propri gli accordi naturali e trascendendo fedelmente il loro originale profumo creando una fragranza carnale, vivace, frizzante e persistente.
Izia è infatti una carezza delicata come la rugiada del mattino, ma allo stesso tempo moderno e sorprendente.
Izia racconta anche la storia di cinque donne che lo hanno composto. Insieme a Isabelle d’Ornano, che ha sognato fortemente la realizzazione di questa fragranza, c’è il naso che l’ha creata Amandine Clerc-Marie, la figlia di Isabelle, Christine d’Ornano che ha seguito la campagna stampa realizzata dall’amica e artista inglese Quintin Jones e la bellissima nipote Sonia scelta come testimonial della campagna pubblicitaria.
Questo dipinto olfattivo di nome Izia è una trascrizione fedele della rosa in tutta la sua unicità. La composizione esordisce con note di testa molto sofisticate: Begamotto Bianco, Fresia, Tè e Pepe Rosa. Nel cuore un accordo di Rosa viene arricchito da note di Pera, Petali di Gelsomino, Peonia, Mughetto e Angelica. Ambra, Muschio e Cedro formano la calda base legnoso-muschiata della fragranza.
Questo tesoro olfattivo è racchiuso in un flacone dai colori della rosa e dai riflessi dorati, che ricorda due sculture di vetro appoggiate una sull’altra, opera dello scultore polacco Bronislaw Krzyasztof.







Un gesto quotidiano, purtroppo, spesso lasciato al caso. C'é solo un suono che può sostituire e comandare la mente umana...Quello del gong...