Design Sostenibile : la sfida del Tuliper allo spreco

8 dei più importanti designer australiani hanno accettato la sfida e accolto la proposta di AHEC- American Hardwood Export Council di sostituire il legno che usano normalmente per i loro progetti, con il tulipier americano: la specie più prolifica degli Stati Uniti ancora poco conosciuto in Australia, la cui crescita supera il raccolto in tutti gli Stati Uniti e il volume netto (dopo la raccolta) aumenta di 19,7 milioni di metri cubi all’anno!

Evostyle, che ha prodotto tutti i pezzi per questo progetto Replaced, ha tenuto traccia dettagliata di tutto il legname utilizzato, degli input energetici e dei rifiuti prodotti. Lavorando con il colore naturale del tulipier americano e utilizzandolo per migliorare il design di ogni pezzo, lo spreco è stato ridotto al minimo. In questo modo, i progettisti coinvolti nel progetto sono stati in grado di soddisfare il loro desiderio di lavorare in modo sostenibile e con un impatto ambientale minimo.

Anne-Claire Petre, Adam Goodrum, Adam Markowitz, Coco Reynolds, Dowel Jones, Jon Goulder, Ross Gardam and Tom Skeehan hanno accettato la sfida e accolto la proposta di AHEC di sostituire il legno che usano normalmente per i loro progetti, con il tulipier americano. Utilizzato in Europa da generazioni, il tulipier, che è ancora poco conosciuto in Australia, è uno dei legni più belli e più facilmente lavorabili degli Stati Uniti. Leggero, a grana dritta fine e uniforme, il suo colore varia dal giallo al marrone e persino al verde e al viola in alcuni punti.

Adam Goodrum

Adam Goodrum ha scelto di ricreare la sua iconica sedia Molloy, un robusto pezzo di legno composto da 8 elementi che si intrecciano perfettamente insieme. “I componenti della sedia Molloy sono accentuati dalle direzioni contrastanti della grana quando si incontrano per diventarne una sola”, dice Adam a proposito del design. “La variazione di colore nel tulipier offre un’ulteriore opportunità per enfatizzare i diversi elementi “, aggiunge.

Ross Gardam

Allo stesso modo Ross Gardam, ha scoperto che sostituendo la quercia americana del suo classico “Oak Pendant” con il tulipier, le caratteristiche del design che erano secondarie nel prodotto originale, sono state enfatizzate. La lampada Oak nasce originariamente dal desiderio di riutilizzare i pezzi di scarto prodotti per realizzare il tavolo Half Full. La struttura a grana del tulipier americano accentua le giunzioni e questo, combinato con la grana del legno, ha creato un pezzo più visivamente sorprendente.

La Glissando Credenza in noce americana di John Goulder

La Glissando Credenza in noce americana di John Goulder, in mostra permanente alla National Gallery of Australia, ha assunto un “look e un significato completamente nuovi” grazie al tulipier, diventando “dimostrazione di una produzione e di una filosofia di arredamento rispettosi dell’ambiente”.

Adam Markowitz – Flea Chair

Una delle caratteristiche principali del tulipier americano è una forza e una resistenza al peso molto più alte rispetto a qualsiasi altro legname. La Flea Chair in tulipier americano può essere sollevata con un solo dito, pur essendo abbastanza forte da sopportare gli stress di un corpo umano che la utilizza. I toni molto chiari e la delicata venatura del tulipier contribuiscono ulteriormente ad esprimere la sottile curvatura e il minimalismo semplice di The Flea Chair.

Dowel Jones – Simon Says Low Stool

“Esplorando la diversità nella scelta dei materiali per la collezione Simon Says, il Simon Says Low Stool è stato re-immaginato in tulipier americano. Famoso per la sua leggerezza, resistenza e capacità di contenere le macchie, questo materiale naturale è anche una tela perfetta per l’applicazione del colore.”

  

Marz Designs – Dome Hooks

“Noi designer dobbiamo pensare al futuro e analizzare l’impatto ambientale delle nostre realizzazioni. I prodotti Dome Hooks sono in genere realizzati in noce o quercia americane, due specie molto comuni utilizzate nell’industria del mobile in Australia. Come designer siamo però colpevoli di utilizzare specie perché “di moda”, in quanto sono sicure da immettere sul mercato. Tuttavia, la popolarità di queste varietà porta a non utilizzare abbastanza altre fantastiche specie. L’utilizzo del tulipier in questo progetto vuole dimostrare la sua versatilità e lavorabilità, oltre a incoraggiare l’uso di altre potenziali specie.”

 

 

Tom Skeehan – Hoshi

 “Di solito adottiamo un approccio molto materico nella progettazione di mobili. I materiali selezionati spesso sono il driver estetico del prodotto. Con questa idea, il legno selezionato deve incarnare tutti i valori fondamentali del brand. Per la collezione Hoshi, abbiamo sperimentato il legno massiccio: una cornice minima senza fissaggi visibili, che contiene una forma imbottita dominante. La materialità è in primo piano in questa collezione – il tulipier americano ha naturalmente un sacco di caratteristiche, ed è stato interessante vedere come questo ha a sua volta cambiato il carattere stesso della sedia. Il legno può avere un’enorme variazione di forme e colore. Sono molto interessato a scoprire come il tulipier americano possa adattarsi a diverse applicazioni di colorazione: la struttura del grano e la colorazione, potrebbero prestarsi a molteplici finiture. “

Anne-Claire Petre – Emi Pod

Anne-Claire Petre che ha reinterpretato il suo cult Emi dichiara: “In un mondo in cui la cultura dell’usa e getta è diventata predominante, è molto importante avere un approccio ambientale verso la progettazione e la produzione. È una scelta di vita che si estende dalla mia vita personale e la mia attitudine contro lo spreco, fino alla mia attività e al mio lavoro. Il nostro ruolo di designer è quello di educare il pubblico verso un design migliore e verso la sostenibilità, sottolineando perché questi fattori sono fondamentali per la nostra economia, per il nostro pianeta e per le persone. Usare legni sostenibili negli arredi è il minimo che possiamo fare “.

Utilizzo sostenibile di una specie sostenibile

La foresta di latifoglie americane è gestita in modo sostenibile da generazioni. Ogni anno gli alberi vengono selettivamente raccolti e sostituiti attraverso la generazione naturale di una nuova crescita. La crescita nella foresta supera di gran lunga il raccolto.

Il tulipier americano è uno dei legni più prolifici. La crescita supera il raccolto in tutti gli Stati Uniti e il volume netto (dopo la raccolta) aumenta di 19,7 milioni di metri cubi all’anno.

Evostyle, che ha prodotto tutti i progetti per “Replaced”, ha tenuto traccia dettagliata di tutto il legname utilizzato, degli input energetici e dei rifiuti prodotti. Lavorando con il colore naturale del tulipier americano e utilizzandolo per migliorare il loro design, lo spreco è stato ridotto al minimo. Questa specie è anche molto leggera, adatta per essere esportata dagli Stati Uniti alle coste australiane.

Questi dati hanno consentito all’American Hardwood Export Council di misurare il preciso impatto ambientale di ogni singolo progetto nella collezione. Applicando un metodo scientifico per misurare l’impatto ambientale, oltre al track record negli Stati Uniti comprovato e documentato di sostenibilità nella produzione di legno di latifoglie, i progettisti coinvolti nel progetto sono stati in grado di soddisfare il loro desiderio di lavorare in modo sostenibile e con un impatto ambientale minimo.

I dati iniziali mostrano che il tulipier americano utilizzato per creare tutti i pezzi della collezione sarebbe stato sostituito nella foresta degli Stati Uniti in meno di 1 secondo.

Rod Wiles, Direttore Regionale dell’AHEC, conferma:

“La responsabilità principale di un designer è sicuramente quella di creare un ambiente di vita in cui sentirsi a proprio agio, felici e capaci di crescere. Rendere il mondo un posto più bello non dovrebbe tuttavia mai venire a scapito del mondo stesso “

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.