• MW SUGGESTIONS •

Provenza… la vie en vert

Data pubblicazione : 04/11/2013     
Autore : Franca D. Scotti


Fontane, giardini, boschi, stradine color ocra, e paesi appoggiati alla falesia: una Provenza inedita tra mare ed entroterra
Finestre color lavanda e cespugli di rosmarino, cascate di glicini, ulivi e iris gialli. E’ la Provenza che tutti riconosciamo, anche nei dipinti di artisti famosi.
Ma c´è una Provenza meno nota, più nascosta e tutta da scoprire. E’ la Provence Verte, che a questo scoppio di colori e profumi aggiunge colline boscose, mille sorgenti d´acqua, paesini arroccati ai piedi della falesia, abbazie imponenti.
Situata nel cuore del Var, il dipartimento che si estende dal Golfo di Saint-Tropez al massiccio dei Maures, dal promontorio dell’Estérel ai Pays de Fayence e alle Gole del Verdon, la Provence Verte é il territorio ideale per fare sosta e partire per escursioni ogni giorno diverse.
Tra il Verdon, la Sainte Baume e la Sainte Victoire si presenta come un’oasi soleggiata di freschezza e calma, con i suoi 39 comuni, le sue foreste profumate, le valli e le sorgenti che cantano, una natura intatta che ha dato alla Provence Verte il suo caratteristico colore.

    

I suoi centri sono per lo più sconosciuti al turista italiano: Brignoles, Cotignac, Varages, Barjols, piccoli centri che contano al massimo 15/18.000 abitanti. Ma sono vicinissimi a grandi città ben collegate con l´Italia come Marsiglia, Tolone, Aix en Provence, Cannes, Monaco.
Poco più di un´ora di volo unisce Malpensa all´aeroporto di Marsiglia e treni veloci corrono lungo la costa frequentemente.
Tuttavia è meglio sapere che qui il mezzo di trasporto ideale é la macchina privata, che permette di scorrazzare in libertà su e giù per le colline, fermandosi spesso a fare foto, curiosare nelle botteghe artigiane, assaggiare una specialità e un bicchiere di vino.

Prima regola: non avere fretta. Seconda regola: essere curiosi di tutte le attrattive di questa terra.
Che é famosa per "l´arte di vivere": dolce, riposante, tranquilla.

Per alloggiare molte sono le soluzioni a portata di mano: dall´Hotel de charme, alle Chambre d’hotes. E’ questa forse la soluzione più attraente e pittoresca, che immerge decisamente nell´atmosfera tipica delle case provenzali. Alcune di loro aprono le sale da pranzo (table d’hotes) per fare gustare la gastronomia provenzale. Con particolare attenzione alla tavola e alle stoviglie decorate.
  
Sono spesso case di campagna circondate da giardini di fiori e di erbe aromatiche come Le Mas des Tours, oppure case storiche dei piccoli paesi come La Licorne di Cotignac, in cui scale e scalette interne portano a terrazzini assolati e verande affacciate sul campanile, oppure maison d’epoca vicino alle città, come la Bastide du Plantier a pochi chilometri dalla splendida Hyères. Le camere sono arredate con grandissimo gusto, rispettando sempre il cliché provenzale rustico: colori pastello, coperte a fiorellini, mattonelle piccole decorate a mano, mille particolari deliziosi, dai fiori secchi, ai cappellini vintage, dagli asciugamani cifrati ai saponcini alla lavanda, dai merletti della nonna ai cestini di paglia. Anche rimanendo solo due notti, si può assaporare completamente l´atmosfera autentica del borgo provenzale. La prima colazione é adeguata all’atmosfera: immancabile la baguette con burro di campagna e marmellate fatte in casa, formaggi di capra, yogurt e frutta biologica.
L’ultima tendenza è quella di praticare il wellness direttamente in queste case private dallo charme così pittoresco. Ad esempio nella Chambres d´hôtes Au Bois de Lune, a Varages, è possibile in tutte le stagioni godere, durante il soggiorno, una varietà di ottimi massaggi. Nella bella stagione una vera oasi di benessere: nel mezzo di una magnifica pineta, cullati dai suoni delle cicale, per momenti autentici, dedicati al rilassamento e alla meditazione. Durante l’inverno nell´intimità della propria stanza con la massaggiatrice a domicilio, per una parentesi romantica e un magnifico viaggio sensoriale ricco di profumi.
La stessa esperienza, ancora più suggestiva, viene proposta a Le Moulin de Pascaline di Cotignac. Qui l’autenticità è garantita dal fatto che i due titolari si occupano di coltivazione di magnifici uliveti e produzione di olio d’oliva. E’ questo l’ingrediente fondamentale e purissimo utilizzato per massaggi rilassanti o tonificanti, all’insegna della naturalezza. Immersi nel silenzio della campagna, nella luce tenue delle candele profumate, ci si abbandona al piacere del massaggio condotto con lunghi e fluidi movimenti su tutto il corpo.
Un momento di puro benessere dopo le passeggiate della giornata. La Provence Verte, prima zona della regione francese PACA, che ha ottenuto l’etichetta “Paese d’arte e storia” dal Ministero della Cultura, offre numerosi itinerari tra abbazie, case di campagna, castelli. Il suo territorio è stato terra ancestrale dei signori della Provenza, la sua storia è scritta nelle mura monumentali dei castelli, delle abbazie, dei Palazzi dei cavalieri Templari.
Cotignac è un tipico village de caractère, esempio perfetto di un paesino di atmosfera e stile provenzale. Ai piedi di una maestosa roccia di tufo di 80 metri di altezza, è circondato da uno scenario naturale unico. Con un microclima eccezionale, al riparo dai venti, il paese mostra il panorama collinare immerso in una natura rigogliosa. Nel vecchio quartiere, tra ristoranti caratteristici e brasserie, atelier di artisti e negozi artigianali, zampillano numerose fontane e lavatoi che, con la loro acqua limpida, danno un’idea di freschezza.
 
 





Orient Express: il treno dei desideriLuxury Paradise