• MW SUGGESTIONS •

IN SOLE 24 ORE: SIRMIONE

Data pubblicazione : 16/09/2016     
Autore : Antonio Sarti


Una piccola penisola che per tre chilometri si sporge nel lago di Garda, creando uno scenario suggestivo dove passeggiare in tranquillità (l´ingresso all´interno delle mura è consentito solo ai pedoni). Sirmione è questa, nella sua semplicità e nella sua grande fama, non è un caso che pressoché in qualunque stagione sia affollata di visitatori.


Sirmione è conosciuta soprattutto per i resti della villa romana nota come “Grotte di Catullo”, anche se con il poeta Catullo non ha nulla a che spartire. La visita nella villa risalente a circa 2000 anni fa consente di ammirare le stanze lussuose, con pavimenti interamente coperti da mosaici e pareti affrescate, di cui il nobile romano che ci abitava poteva godere durante la permanenza.
 
Anche in epoca romana Sirmione era molto apprezzato dai nobili per le vacanze: presso il museo della villa di Catullo si possono ammirare anche i resti di un´altra domus che si trova attualmente sotto l´hotel Corte Regina in via Antiche Mura.
Altro punto di interesse è la rocca scaligera, a ridosso del lago, fatta costruire dalla potente famiglia intorno al XIII secolo.


Tantissimi gli edifici religiosi visitabili da coloro che amano la storia e l´arte: prima fra tutte la chiesa di San Pietro in Mavinas che si trova nel punto più alto di Sirmione, da cui è possibile avere anche una vista sul promontorio. Molto interessanti sono anche la chiesa di Santa Maria Maggiore e la piccola chiesetta di Sant´Anna.
 
Per chi vuole passeggiare sul lungolago o prendere un po´ di sole, immancabile è una tappa alla spiaggetta con rocce rosse immerse nell´acqua, denominata Lido Delle Bionde.


La specificità del territorio benacense, noto sin dall´epoca romana per le sue acque termali catalogate come sulfureo salsobromoiodiche, consente anche ai visitatori di organizzare una giornata relax alle terme dove sarà possibile rilassarsi ma anche curare, attraverso le acque “miracolose”, anche alcune gravi patologie, presso uno dei due centri termali di Sirmione: "Catullo" e "Virgilio".
 
Come arrivare: data la grande difficoltà a reperire un posteggio per l’auto, si consiglia di raggiungere Sirmione in treno. Da Milano Centrale treni regionali collegano quasi ogni ora la città con la stazione di Desenzano, da cui spostarsi a Sirmione in autobus.

Per chi non volesse rinunciare all’auto, Autostrada A4 uscita Sirmione.





Lago di Costanza: una stagione di esperienze culturali insoliteFriuli Venezia Giulia, Castelli Aperti: sabato 1 e domenica 2 ottobre