• MW SUGGESTIONS •

IN SOLE 24 ORE: LA VILLA DEL BALBIANELLO TRA CINEMA E BELLEZZA

Data pubblicazione : 27/08/2016     
Autore : Antonio Sarti


“Benedetto Balbianino! Vi passerei volentieri la mia vita, tanto è romanzesco, poetico, magico questo soggiorno“. ( Silvio Pellico )


La Villa del Balbianello è stata nel tempo una tra le location privilegiate per il cinema italiano e straniero: una delle scene probabilmente più note tra quelle girate in questo contesto la troviamo in “Star Wars – La guerra dei cloni”, dove si realizza il progetto d’amore tra Anakin Skywalker e Padmé Amidala. Molti sono i visitatori che si recano alla villa proprio per vedere dal vivo e magari riprodurre artigianalmente la celebre scena del bacio con vista sul lago. Non c’è solo la fantascienza però, anche un personaggio molto più “reale” come James Bond è passato per la villa del Balbianello, per la precisione nelle riprese di “007-Casino Royal” in convalescenza dopo essere stato ferito.
Il cinema italiano non è stato da meno, anzi ha portato alla luce il favoloso scenario che questa dimora offre ai registi: fu Mario Soldati a rendere famosa la villa del Balbianello, grazie alla realizzazione qui avvenuta di due film tratti da opere di Fogazzaro, ovvero “Piccolo mondo antico” e in seguito “La malombra”.


Affacciata sulla sponda comasca del lago nei pressi di Lenno, la villa ha una vita relativamente giovane: fu infatti costruita nel XVIII secolo sulle rovine di un convento francescano. Dopo varie vicissitudini e passaggi di famiglia nel corso dell’ottocento, nel 1919 fu acquistata dall’americano Butler Ames che la sottopose a una forte opera di restauro. Nel 1974 fu ceduta all’imprenditore milanese Guido Monzino, che ne curò un ulteriore restauro prima di donarla al FAI nel 1988. Ancora oggi la villa del Balbianello appartiene al patrimonio del FAI.
Tra gli aspetti curiosi di questa bellissima location c’è il pittoresco porticciolo voluto dal Cardinale Durini, ideatore della villa: accedervi dal mare è un’esperienza emozionante che regala attimi di vera estasi. Interessante e spiazzante anche la presenza di un doppio campanile che tuttavia non nasconde alcuna chiesa, bensì è rimanenza del vecchio convento su cui è stata costruita la villa.

Come arrivare: da Milano, Autostrada A9 fino all’uscita “Lago di Como” , poi SS340 fino a Lenno.





Eventi e divertimento nell’estate di Abu DhabiIN SOLE 24 ORE: FESTIVALETTERATURA A MANTOVA