• MW SUGGESTIONS •

IN SOLE 24 ORE: ARONA E STRESA, LE PERLE DEL LAGO MAGGIORE

Data pubblicazione : 07/10/2016     
Autore : Antonio Sarti


Oggi vi portiamo alla scoperta di due piccoli paesi che si allungano sul ramo meridionale del Verbano, tra i più caratteristici e meritevoli di una visita: Arona e Stresa.


Arona è una piccola cittadina ufficialmente nella Provincia di Novara ma con cuore e testa fortemente connessi al milanese e alla Lombardia, rappresentando uno dei primi avamposti del Lago Maggiore per chi giunge in questo anfratto di tranquillità dall’autostrada o dalla ferrovia. Proprio i veloci e ben assortiti collegamenti con il capoluogo lombardo sono il punto di forza di questo borgo che fa del turismo e del commercio la sua principale vocazione, sfruttando nella maniera migliore lo straordinario scenario naturale che il lago offre posandosi ai suoi piedi.


Per chi conosce un minimo la storia di Milano, sarà molto interessante scoprire che Arona fu il luogo natale di San Carlo Borromeo, vescovo della città meneghina nel corso del cinquecento: il borgo novarese ha reso omaggio al suo santo con un pregevole monumento in bronzo noto come il “Sancarlone” per le sue imponenti dimensioni: per raggiungerla è necessario arrampicarsi sul Colle di San Carlo, nell’omonima frazione di Arona. La statua ha un’altezza di oltre trenta metri, con un piedistallo in granito di quasi 12 ed è visitabile dall’interno: offre quindi una visuale stupenda dall’alto sul lago che si stende poco sotto.
Risalendo lungo l’autostrada in direzione di Gravellona Toce o ancora meglio godendosi il panorama lungo la SS33 costiera, si giunge al borgo di Stresa, propaggine meridionale della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola.


Stresa diventa centro del panorama musicale italiano e non solo nel corso dei mesi estivi, quando le “settimane musicali” allietano il centro della cittadina verbana con un programma ricco di ospiti di livello internazionale.
Aldilà della sua componente attrattiva per gli appassionati di musica, questo piccolo paesino affacciato sul Lago Maggiore si trova di fronte alle incantevoli isole borromee, una caratteristica che rende Stresa meta turistica tra le più amate della zona già dalla seconda metà dell’ottocento. Tra i suoi angoli più caratteristici non si può non citare il lungolago che presenta una serie di abitazioni storiche di pregevole bellezza e ricercatezza. Celebri sono anche le ville della zona, tra cui ricordiamo la Villa Ducale, edificata nel corso del settecento, e la Villa Pallavicino con il suo grande parco.

Stresa rappresenta, oltre che località di richiamo per il turismo convenzionale, anche il punto di partenza per escursioni suggestive nella natura: la val Formazza con le favolose cascate del Toce, ma anche la vicina isola di Orta San Giulio  e per i più arditi il Monte Rosa.





LAOS: LA GEMMA NASCOSTA DELL´ASIAI Giardini di Villa della Pergola: tra agrumi e macchia mediterranea