• MW SUGGESTIONS •

Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia: un "tuffo nel passato"

Data pubblicazione : 19/09/2017     
Autore : Franca D. Scotti


Castelli Aperti torna con l’edizione d’autunno sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre.
Quindici dimore apriranno al pubblico grazie all’attività del Consorzio per la Salvaguardia dei Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia.

Sarà un weekend dedicato all’arte, alla cultura e alla tradizione regionale, un’occasione unica per poter visitare manieri, parchi e meravigliosi giardini normalmente non accessibili al pubblico.
I castelli aprono in tutta la regione: uno in provincia di Trieste, il Castello di Muggia;
tre in provincia di Gorizia: il Castello di San Floriano del Collio, il Castello di Spessa di Capriva e Palazzo Lantieri; due in provincia di Pordenone: Palazzo Panigai Ovio (Pravisdomini) e il Castello di Cordovado; nove in provincia di Udine con il Castello di Susans (Majano), il Castello di Cassacco, il Castello di Villalta (Villalta di Fagagna), Rocca Bernarda (Ipplis di Premariacco), il Castello di Arcano (Rive D’Arcano), il Castello di Flambruzzo (Rivignano Teor), Palazzo Steffaneo Roncato (Crauglio di S. Vito al Torre), Casaforte La Brunelde (Fagagna) e la Centa di Joannis (Aiello del Friuli).

Tour in carrozza
Nelle due giornate, i Castelli di Arcano Superiore e Flambruzzo organizzano gite in carrozza nei dintorni delle dimore. Prima o dopo la visita, gli ospiti potranno salire a bordo di carrozze d’epoca trainate da cavalli. Il cocchiere li condurrà in un’esperienza originale e di altri tempi per riscoprire i ritmi lenti ormai lontani dal vivere quotidiano. Inoltre, durante tutto l’anno, è possibile prenotare diversi tour e altre attività organizzate da Visitait.

Nei  due Castelli di Strassoldo di Cervignano del Friuli, poi, il 21 e 22 ottobre, si svolgerà “In Autunno: Frutti, Acque e Castelli”
I millenari castelli di Strassoldo di Sopra e di Sotto, testimoni discreti degli avvenimenti storici più importanti che plasmarono nei secoli l’angolo più a nordest d’Italia, sono circondati da un borgo medievale e lambiti da limpidi corsi d’acqua.
Il 21 e 22 ottobre 2017, i castelli apriranno gli antichi portoni e un contesto da vera fiaba offrirà agli ospiti un viaggio “rinascimentale” attraverso giardini tinti da un caleidoscopio di colori autunnali, scalinate in pietra, balconi e mura in pietra viva, dove maestri artigiani ed antiquari presenteranno i loro nuovi prodotti. Saranno anche presenti alcuni dei migliori vivaisti italiani con le loro collezioni di piante insolite, rose antiche inglesi e moderne, orchidee rustiche, ellebori, aromatiche ed antiche specie da frutto.
Non mancheranno dolci deliziosi, cioccolata, veri aceti balsamici e liquirizia, rigorosamente artigianali, mentre nel cortile del castello di Sopra un ottimo catering allieterà i palati degli avventori in cerca di una sosta tranquilla. Fuori dal borgo, invece, le associazioni del paese allestiranno degli stand gastronomici.





Un'evasione a Raiatea, in Polinesia, patrimonio UnescoStrada barocca dell'Alta Svevia: sulle tracce degli angeli