• MW SUGGESTIONS •

A Castell'Arquato rivive il Medioevo

Data pubblicazione : 28/08/2017     
Autore : Franca D.Scotti


A Castell’Arquato il 9 e 10 settembre si possono  rivivere due giorni di Medioevo. Una festa per tutti gli appassionati del tempo che fu, ma anche per chi vuole semplicemente vivere una divertente esperienza di fine estate, in una cornice indimenticabile.

Romantiche pulzelle, che palpitano per i propri valorosi cavalieri, festosi e chiassosi popolani che vogliono dimenticare le fatiche di tutti i giorni, prima di tornare al loro duro lavoro o al servizio dei signori.

Potenti armati provenienti da ogni dove, accampati nel “Campo dei Colerosi” in attesa della battaglia che premierà il migliore. Ciarlieri mercanti pronti a incantarvi con le loro preziose mercanzie, e ancora giochi medievali per bambini, stand gastronomici per tutti con alcuni dei piatti tipici della cucina piacentina.

Sabato sera il corteo si snoderà tra le favolose vie del borgo medievale di Castell’Arquato, bandiera arancione del Touring Club, per arrivare al grande spettacolo in piazza della Rocca.
Tutta Castell’Arquato torna indietro nel tempo, godendo delle sue eccezionali meraviglie urbanistiche, dove si ricrea uno spaccato di accampamento medievale con risuonare di spade e armature, ma anche falò e pignatte fumanti.

L’evento è organizzato dalla Pro-Loco di Castell’Arquato in collaborazione con la Scuola d’Arme Gens Innominabilis, con il patrocinio morale del Comune di Castell’Arquato – Provincia di Piacenza e della Regione Emilia Romagna.
E per chi desidera  sentirsi parte attiva della manifestazione, sono a disposizione costumi medievali ideati e cuciti dai componenti della Pro Loco, che riproducono l’abbigliamento delle differenti classi sociali dell’epoca, con particolare riferimento alle persone comuni del popolo.
Durante il week end di “Rivivi Il Medioevo”, si possono compiere brevi interessanti tour nella Val d’Arda.

Vigoleno, certificato fra i Borghi più Belli d'Italia e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, si impone per l'eleganza delle sue forme e per l'integrità del sistema difensivo,  esempio perfetto della logica abitativa del medioevo. Sulle imponenti mura merlate, percorse in parte da un panoramico camminamento di ronda, spicca la mole del mastio.
Il Museo gli Orsanti raccoglie testimonianze della vita degli Orsanti, uomini coraggiosi, artisti musicanti e ammaestratori di animali che portarono in giro per il mondo, nelle vie e nelle piazze i propri spettacoli.





UN TRANQUILLO WEEKEND DI ADRENALINA: IL LANCIO CON IL PARACADUTEVacanza in mobilità dolce a Werfenweng nel Salisburghese