• MW SUGGESTIONS •

Shopping Tourism: il nuovo modo di visitare l’Italia.

Data pubblicazione : 24/11/2016     
Autore : Marica Basile


“Dove andiamo in vacanza?” Chissà quante volte ci siamo posti questa domanda e ci siamo subito messi all’opera per trovare il luogo giusto. La scelta di una destinazione turistica tiene conto di diversi fattori come quello artistico-culturale, quello culinario e perché no anche della possibilità di svago.

Eppure c’è qualcuno (anzi più di qualcuno) che invece di considerare quanti musei può visitare si concentra sul numero di negozi in cui potrà fare shopping!
Da semplice elemento aggiuntivo nella selezione delle possibili località in cui recarsi, negli ultimi anni lo shopping sta diventando una primaria motivazione di viaggio e l’Italia, il Paese del fashion e dello stile per eccellenza, è la meta perfetta.
 
Sono 3 le città prese d’assalto dai turisti dello shopping: Milano, Firenze e Venezia dove la spesa media procapite giornaliera di un visitatore ammonta a 43 euro utilizzati principalmente per l’acquisto di abbigliamento ed inoltre 2 turisti su 10 almeno una volta si sono recati in una di queste città esclusivamente per fare acquisti.
Sono questi i risultati di un’indagine accurata contenuta all’interno di “Shopping Tourism Italian Monitor”, il nuovo rapporto di ricerca annuale dedicato a questa tematica e presentata in occasione di Shopping Tourism-Il forum italiano, il primo evento italiano dedicato a questa particolare tendenza che si è svolto a Venezia.
 
I dati parlano chiaro. Considerando gli oltre 13 milioni di turisti che sono giunti in Italia l’anno scorso nelle tre città in questione, ben 1,4 miliardi di euro è la somma spesa per lo shopping.
Un fenomeno in forte crescita che vede come protagoniste città ben precise, dove le tradizioni e le eccellenze si mescolano con l’offerta dei grandi brand internazionali.

Si auspica ad un ampliamento della rete, che includa altre località in cui sarà possibile effettuare degli itinerari tra le boutique più ambite. Un viaggio sì, ma tra le vetrine!
Roba da fashion victim? Non solo. Nuova frontiera del turismo? Può darsi.





LE TAVOLE PIU’ BELLE PER UN NATALE INDIMENTICABILETORTA DI PERE 
E CIOCCOLATO