• MW SUGGESTIONS •

LA QUINTA TASCA DEI JEANS: A COSA SERVE?

Data pubblicazione : 27/01/2016     
Autore : Bruna Meloni



Due tasche davanti, due tasche dietro. Poi c’è quel «misterioso» taschino rettangolare all’interno della tasca destra.


Irritante per qualcuno: è infatti troppo piccolo per metterci le monete, le mani, figuriamoci le chiavi di casa.
Qualcuno se l’è chiesto: «Ma quel taschino “falso”’ nei jeans ha una qualche funzione dedicata, oppure è solo uno standard estetico?».
La risposta all’enigma è arrivata da alcuni esperti del settore dell’abbigliamento, e da Levi’s.

Il taschino fu introdotto nel 1873 da Levi’s, la più antica e popolare tra le aziende che producono jeans, fondata nel 1853 negli Stati Uniti dall’immigrato tedesco Levi Strauss. Non è altro che un «watch pocket», dove, a fine ‘800, gli uomini (in particolare i cowboy) riponevano gli orologi da tasca e, leggenda vuole, persino le pepite d’oro. A quel tempo, infatti, i cowboy usavano portare l’orologio da tasca con la catena e lo riponevano nel gilet di pelle.


La Levi’s ha messo a punto la piccola tasca affinché non perdessero l’orologio o non si rompesse. È rimasta fino ad oggi e, come spiega la stessa Levi’s in un post, ha avuto diverse funzioni negli anni. Tra le altre cose: ospitare una scatola di preservativi (come voleva uno spot del 1995 per i jeans 501), una scatola di fiammiferi o per nascondere bigliettini.






I Gioielli Damiani, l’espressione del made in Italy nel mondoPenelope Cruz indossa Chopard alla 3° edizione dei Feroz Cinema Awards