• MW SUGGESTIONS •

Col pesce non si scherza...o forse sì...

Data pubblicazione : 01/04/2017     
Autore : Manuela Caramella



No signori , non stiamo parlando della materia prima di dubbia provenienza servita da certi ristoratori di quart'ordine ma di quello meno acquatico e più divertente che ci sia …Quello del primo aprile.
Pesce di antica origine , visto che la tradizione di fare scherzi al malcapitato di turno risalirebbe addirittura all'epoca romana , quando in occasione  delll'equinozio di primavera il 25 Marzo  si celebravano le Hilaria.
Perché si potesse arrivare alla connotazione odierna , cioè di una giornata in cui è lecito ingannare in maniera bonaria ( almeno si spera…) qualcuno , bisognerà far capo alla tradizione che prevedeva in Europa  la celebrazione del Capodanno , con tanto di scambio di pacchi dono , tra il 25 Marzo ed il 1 Aprile.
L'avvento del Calendario gregoriano anticipò la festività al primo Gennaio motivo per cui i burloni regalavano pacchi vuoti per simboleggiare la beffa delle festività scomparsa.Questi doni fasulli erano spesso corredati da un biglietto che recitava " Poisson D'Avril ", ossia " pesce d'aprile" in francese originando così la definizione ancora oggi utilizzata.
Molti studiosi di costume  hanno segnalato come , più prosaicamente , i pescatori che nei primi giorni di Aprile tornavano a mani vuote dalle loro uscite fossero oggetto di scherno da parte dei compaesani.
Non a caso i primi episodi testimoniati di scherzi a danni altrui vengono collocati nella zona del porto di Genova alla fine dell'Ottocento…
Per consolarci però se ci è toccato il ruolo di vittima basterà farci regalare uno degli squisiti pesci di cioccolato che vengono preparati appositamente per l'occasione da pasticcerie come la " Pasticceria Romeo"di Via Anguissola   a Milano.
La leggenda più divertente è però quella che vede protagonisti Marco Antonio e Cleopatra . Il condottiero , per farsi bello agli occhi della regina d'Oriente durante una gara di pesca, avrebbe ordinato ad un servo di attaccare all'amo della sua canna  un pesce di enormi proporzioni.
Peccato per lui che la donna , scoperto l'inganno , avesse fatto sostituire la preda viva con un finto pesce di pelle di coccodrillo , la cui comparsa ebbe il risultato di scatenare l'ilarità dei presenti .
Questo dimostra come le donne siano sempre e comunque superiori agli uomini .
Scherzavo…Pesce d'Aprile!!!
Forse...





CoeLux®: Experience the SkySpeciale design: Fuori Salone - 4 aprile