• MW SUGGESTIONS •

Buon compleanno Anna Fendi!

Data pubblicazione : 23/03/2017     
Autore : Marica Basile



Nel mondo del fashion sicuramente ci sono tantissimi nomi che si fanno notare per una ragione o per l’altra. E’ molto “facile” che uno stilista lasci il segno e che diventi un nome da pronunciare con ammirazione. Se a questo però si lega un forte spirito imprenditoriale e la caparbietà femminile di lanciare un brand non possiamo non pensare a Anna Fendi.

Nata a Roma un po’ di primavere fa, la sua passione per la moda nasce quasi per esigenza. Dopo la perdita del padre, Anna inizia a gestire con la mamma e le sorelle le boutique di famiglia, dedicate alla vendita di accessori in pelle e guarnizioni in pelliccia.
Nel corso del tempo le ragazze si dividono i ruoli e così la giovane Anna diventa responsabile dell’ufficio progettazione e licenze. Un compito più che appropriato vista la sua indiscussa creatività. Una mansione importante, carica di responsabilità alla quale non si è mai sottratta. Nel 1960 una decisione che inconsapevolmente scrive la storia del marchio. L’ex teatro di via Borgognona viene trasformato nelle sede storica Fendi: un unico ambiente che accoglie l’atelier, lo showroom, i laboratori e lo spazio per le vendite.

Poco dopo l’incontro con Karl Lagerfeld con il quale inizia una collaborazione professionale tutt’ora valida. Così nel 1970 viene presentata per la prima volta in assoluto la collezione Fendi prima al Pitti e poi a Milano. Il principio di una carriera florida e l’esordio di un brand che ha scritto pagine di storia della moda italiana. Da allora il successo di Fendi diventa internazionale e il logo “doppia effe” si impone quasi prepotentemente nel fashion system.
Essendo responsabile dell’ufficio stile e produzione, il lavoro di Anna è stato di ricerca continua e sperimentazione dei materiali, per proporre una tipologia di design all’avanguardia in ogni collezione.

Dopo l’acquisto di Palazzo Fendi e la fusione con LVMH, lascia le redini del reparto creativo alla figlia Maria Silvia Venturini Fendi per dedicarsi ad altri progetti imprenditoriali che l’hanno portata nel 2011 a ricevere il premio IWF Hall of Fame, assegnato per il suo impegno costante nella promozione del bello e del made in Italy.

Sicuramente una donna poliedrica, rivoluzionaria e sorprendentemente moderna. La sua visione lungimirante della maison, resta ancora oggi un segno indelebile del savoir faire tipicamente italiano, esclusivamente femminile.







CENA IN HOTEL, PERCHE' NO?L'ABITO DA SPOSA SEGUE LA MODA