• MW SUGGESTIONS •

COSTARDI BROS: Risotti e molto di più

Data pubblicazione : 13/07/2015     
Autore : Bruna Meloni


Manuel e Christian Costardi: due fratelli uniti dalla passione per la cucina.Sono giovani, sono chef e innamorati del proprio lavoro. Oggi nonostante la loro giovane etaŽ, 36 anni Christian e 28 Manuel, hanno abbandonato il vestito di giovani promesse e sono a tutti gli effetti una delle piuŽ solide realtaŽ della ristorazione italiana dŽautore.
Christian, con alle spalle un importante curriculum con esperienze in prestigiosi ristoranti del Nord Italia, eŽ lo chef dellŽHotel Cinzia, a Vercelli. LŽentusiasmo con cui torna alle origini eŽ racchiuso nella grande promessa fatta al nonno: far volare la cucina vercellese nellŽolimpo della gastronomia internazionale. Manuel eŽ invece lo chef pasticcere.
Li incontriamo a Paestum e ci raccontano lŽaffascinante storia di una famiglia molto legata e fortemente coesa. E? stato il nonno a trasmettere ai due giovani fratelli la passione per il loro lavoro che portano avanti in modo innovativo creando, allŽinizio, un poŽ di scompiglio e sconcerto in famiglia. Tutto ha inizio negli anni Ž60 quando nonno Nino compra una cascina di maiali con intorno solo orti e una strada sterrata con la voglia di aprire un albergo che chiameraŽ con il nome della figlia: Cinzia. Fortuna volle che quella strada sterrata divenisse la strada di collegamento Milano - Torino e lŽalbergo diventa cosiŽ un punto di sosta per i viaggiatori che ne decretano la fortuna. A seguito di un grave incidente Nino viene a mancare nel Ž65 e cosiŽ lŽapertura - nel 1967 - viene fatta dalla nonna Sandra, mancata a sua volta nel 2009: anno in cui Manuel e Christian vengono insigniti della stella Michelin.
Cinzia si occupa dellŽalbergo e Sandra del ristorante limitato agli avventori dellŽhotel. Ambedue cercano di dissuadere i giovani fratelli dal seguire il lavoro di famiglia ma senza successo. Christian frequenta la scuola alberghiera a Stresa e a seguire fa esperienza in vari ristoranti, prima in Sardegna e poi a Venezia mentre Manuel faraŽ in seguito lŽalberghiero a Gattinara.

Al ritorno a Vercelli Christian inizia quella che lui definisce “una guerra generazionale” con la nonna che gli ripete: “sei matto...queste cose a Vercelli non possono funzionare...eŽ come vendere gelati al polo Nord..”
I giovani hanno la meglio e nel 2006 inizia la modifica del ristorante. Nel 2007 vede la luce il primo menuŽ firmato Christian e Manuel. Dopo solo due anni arrivano i primi ma importanti riconoscimenti: Paolo Massobrio, Paolo Marchi, lŽEspresso, la Stella Michelin.
Abbiamo chiesto ai Costardi cosa caratterizza la loro cucina. Ecco la loro risposta: “ Quattro parole: evoluzione, emozione, territorio, passione, che sono i nomi dei nostri quattro menuŽ degustazione ma che rappresentano anche i sentimenti che proviamo nel creare i nostri piatti. Curiamo con grandissima attenzione le materie prime e il riso eŽ sicuramente lŽelemento che ci contraddistingue, il re della nostra cucina”.
Christian e Manuel dichiarano da sempre la propria originaria cultura gastronomica inchinandosi innanzi al prodotto principe della terra vercellese, il riso, che sanno valorizzare con passione e talento. Venticinque risotti sono sempre in carta, preparati anche per una persona! Piatti sorprendenti e, nel contempo, rispettosi della materia prima. Colpisce la modernitaŽ dei piatti; aciditaŽ, toni amari, freschezza, sapiditaŽ sempre cercate. Questa cucina eŽ proiettata nel futuro, senza rinnegare le tradizioni ma aggiornandole.
La creativitaŽ lascia comunque spazio all´uso saggio ed equilibrato di spezie, sali diversi, tipi particolari di pepe provenienti da continenti lontani. La cucina risulta genuina, contemporanea e accattivante.
E che dire dei dolci di Manuel... Le sue sperimentazioni dolciarie lasciano letteralmente a bocca aperta. Memorabile il cannolo con il pacchero fritto! Diretto e spontaneo come il fratello, alla domanda “Come sei arrivato in cucina?” risponde candido: "con un fratello cosiŽ, che altro potevo fare? Ma i dolci li faccio solo io!".

           




I prestigiosi regali firmati WedgwoodLo Chef che voleva essere Arsenio Lupin