• MW SUGGESTIONS •

Damiani e la voce recondita dei preziosi

Data pubblicazione : 31/07/2013     
Autore : Beatrice Spediacci


Ci fu tempo che chiamavano Belle Epoque: era bella, era Oro,  tra le note dei cafè chantant e i ritmi musicali e fiabeschi dell’art Nouveau, il Valzer degli Strauss, l’ audacia dei primi tailleur e le provocazioni del can-can; la natura pareva meravigliosa, stravolta e surreale, all’ombra dei versi di Flaubert e  Baudelaire, I paradisi artificiali dei Bohemienne che diffusero un’aura trasognante languida e malinconica.In un lasso di tempo che diviene mito, la maison Damiani cerca ispirazione e crea una linea di gioielli, evocativi e nostalgici, che ripropone, nella prossima collezione, in oro giallo e rosa ametiste e quarzo fumè.
Caldi e avvolgenti, coniugano ad hoc contemporaneo e arcaico, in un design che riecheggia le pellicole cinematografiche delle decadi trascorse. Un gioiello che da voce al fascinoso passato del XX secolo, laddove il cinema fonda le proprie radici, diventando fautore di stile ed  intramontabili icone.
Se è vero che il 2013 si prepara a narrar storie di vaga ed indefinita malinconia,Damiani, fiore all’occhiello del nostro Paese dal 1923, ne accoglie lo spirito, con un approccio ossimorico che lasci spazio all’ironia e all’estro padrone del presente.Bubbles è l’inedita collezione che fonde, in un’unica creazione, bianco e nero, algidi blu e nuances rosee fumè; Tahiti ed Australia; perle d’antico sapore e inguaribile fascino, a topazi e ametiste: eccletismo,corpose volumetrie e cromatismi di pura arte, atta ad accogliere profumi esotici e globali. Sono quasi novant’anni ormai, e la “D” di Damiani è un logo universalmente conosciuto.
Quest’anno, in uno sperimentalismo pregiato,  il sigillo della Maison accoglie dettagli materici inconsueti, in un gioco di shapes avvolgenti, intrecci che si rincorrono: oro rosa e bianco, pavè di diamanti, onice nera ed agata bianca. Un “logo no logo”, perDamiani, un logo che sfiora i confini dell’arte pura. Uno, due, tre giri di diamanti; una spirale carica d’emozione che conduce inun luogo immaginario, oltre i confini del vivere quotidiano. Chiamiamolo Eden, ed immaginiamolo così: immerso nella luce,avvolto nel mistero.





Mille anime tra l’alba e il tramontoUna vita colma di gioie, un pensiero per gli altri