• MW SUGGESTIONS •

Raffaella Curiel AltaRoma 2013

Data pubblicazione : 10/08/2013     
Autore : Beatrice Spediacci


Questo è un momento in cui abbiamo necessità di rispettare i tempi, al bando quindi opulenza e ostentazione, riesplorando un pó di morigerata riservatezza nell’esprimere un’eleganza che rivisiti l’alta moda dagli anni 50 in poi, quando la semplicità era la grande promessa dei Maestri, una semplicità ”disarmante”, com’era quella di Balenciaga. Questo l’ambizioso, sopraffino principio della Couture di Raffaella Couriel per la prossima stagione. Tutti i bottoni sono vintage, dall’aroma squisitamente retró, ogni superficie è lavorata a mano, con intrecci scultorei di tessuti e ricami, in camoscio per i tailleur, in pelle, visione e agnellino di Persia letto in chiave moderna sulle giacche e mohair per cappe robuste e avvolgenti. L’eco del rinascimento fiorentino è un leit motif che accompagna la collezione, un omaggio a Caterina De Medici nei disegni cinquecenteschi e nei velluti intarsiati e lavorati nella lana, di uno squillante blu zaffiro. La scelta ricade sulla lana, robusta e preziosa, anche per i tailleur cipria con ricami in pizzo degradè, dal beige sabbioso all’oro antico. Punta di diamante della collezione, per un rivoluzionario sperimentalismo contemporaneo, lo stivale in pelle traforata lavorato a calza. 280 metri di pelle in nastri sottili per ogni stivale, costruito su strutture in pvc sciolte poi con il lavaggio. Lunghezze ridotte per cocktail dress con gonne a bombetta linea andrienne interpretata in corto. I motivi decorativi sono florilege, su broccato e taffetà alla maniera del barocco italiano, in una copiosa palette di verdi naturali, rosa in nuances fioche, ottanio, smeraldo e porpora. Abiti e gonne “un filo più corte davanti”. Balenciaga docet. ”Gaultier è il tutto- afferma la Curiel- mentre la mia collezione è il contrario di tutto: è l’ estrema purezza. Solo il taglio sartoriale e l’alto artigianato, per il compimento della massima perfezione“.





Tony Ward AltaRoma 2013La guida allo stile di Cantarelli