• MW SUGGESTIONS •

Pitti Uomo 89: art&fashion, quel binomio che ci rende invulnerabili

Data pubblicazione : 12/01/2016     
Autore : Redazione MW


Si chiama Pitti Generation´s la manifestazione fiorentina, giunta alla sua 89a edizione, che guarda al futuro con ottimismo ripartendo proprio da lì, quell´ antica Fortezza del XVI secolo tutelata e promossa come "una vera e propria missione pubblica", proclama Dario Nardella.
Il 2016 punterà su "restauro e valorizzazione di una superficie di 77mila mq, interamente concentrati nel cuore della città del Giglio. Non l´ abbiamo costruita, ce la siamo ritrovata, qui da secoli, ma facciamo quanto possibile per tutelarla e ottimizzarla", continua il Sindaco.
Pitti e la Fortezza che lo ospita mette insomma nelle migliori condizioni auspicabili per dare ossigeno a quella moda che Firenze e l´ Italia intera sono chiamate a considerare e rivendicare come forma di cultura nostrana, orgoglio nazionale e punto di riferimento, per stile e genius, per il globo intero." Si colpisce la cultura per seminare paura e terrore nel cuore dei popoli", dichiara Nardella sulla scia lunga delle parole del Presidente del Consiglio pronunciate lo scorso dicembre, " ma il nostro appello, di Firenze e del Governo, è quello di combattere per preservare integra, forte e unita l´ identità  del nostro Grande Paese".Cosa ci si aspetta, dunque, dal futuro? Un contributo costante dal ministero dello sviluppo economico; il rilancio dell´ immagine del " Made in Tuscany" che oggi rappresenta il 23% del  PIL nazionale secondo i dati comunicati dal Presidente della regione Toscana e ancora una sinergia crescente con il ministero della cultura, incentivando chi diffonde cultura territoriale, artigianato e PMI. " Nessuno mai saprà imitare questo patrimonio benché i consumatori  globali siano per lo più in stato confusionale, causa un anno a doppia velocità e la brusca frenata del secondo semestre. Dove c´ è preoccupazione, le vendite sono claudicanti", interviene il Conte Gaetano Marzotto, Presidente di Pitti Immagine Uomo. Ma-ed ecco insorgere lo spirito nazionalista che tanti, troppi negano appartenere agli Italiani- (ndr), i Grandi resistono ed anzi crescono.
Lo testimoniano Brunello Cucinelli, Loro Piana e molti altri. Questo non preclude ai giovani di farsi cautamente strada, assimilando per osmosi il genius in loci inscritto in ogni frammento della nostra Italia. Ringraziamenti e applausi vanno al Ministro Calenda, Stefano Ricci, Il Cav. Mario Boselli che hanno contributo a questa edizione. Un commosso ricordo anche per Elio Fiorucci, da poco scomparso, smuove gli animi del  pubblico. Del resto, chi di noi italiani non è chiamato a ringraziare i Maestri del passato, ringraziarli, per riuscire oggi ad intravedere una nuova luce all´ orizzonte?





Be cool beyond the rules with SAVE MY BAGEmporio Armani: la nuova campagna ADV primavera estate 2016