• MW SUGGESTIONS •

PICA: EMOZIONI MADE IN ITALY

Data pubblicazione : 04/04/2017     
Autore : Marica Basile


Non chiamatele borse, ma pure emozioni. Non semplici accessori ma prolungamenti di se stessi che raccontano qualcosa di speciale. Loro sono le Pica bags e prendono il nome dalle famose top model del momento: Gigi, Kendall, Jess, Lily e Bella. Forme eleganti, materiali di alta qualità e dettagli curati nei minimi particolari. Una tira l’altra, impossibile non volerle tutte.
La collezione Pica nasce dalla passione di una giovanissima designer, Piera Catena, che con un certo savoir faire mette in pratica i principi del vero made in Italy. Dai banchi di scuola al mondo del lavoro, difficile e spietato come solo il fashion può essere. La passione però è la sua arma vincente, glielo si legge negli occhi quanto impegno e amore impiega per realizzare ogni creazione, unica nel suo genere che fa letteralmente innamorare chi la guarda.
Conosciamola meglio:

Come è nata l’idea di creare una linea di borse?
Dopo aver frequentato il liceo classico ho deciso di ritornare sui miei passi e coltivare la passione, che ho sempre avuto, per il disegno. Mi sono iscritta allo IED, non a un corso di fashion qualsiasi ma ad uno in particolare riguardante gli accessori. Mi ha sempre affascinato questo mondo e ho voluto capire cosa c’è effettivamente dietro la creazione di una collezione. Dopo vari colloqui per diverse aziende, mi sono fermata un attimo e ho deciso sì di voler far gavetta ma per me stessa, per creare qualcosa di mio. Così è nato Pica.

Quanto è stato difficile il passaggio da studente a designer?
Moltissimo. La fatica è costante. Ho fatto anche degli sbagli da cui ho imparato tantissimo. Ho dovuto capire da sola dove sbagliavo nella progettazione, errore che poi correggevo durante la realizzazione del prototipo. Come regalo di laurea ho chiesto un macchinario per la lavorazione della pelle, un universo che scopro ogni giorno.

E’ facile per una giovanissima designer inserirsi nel mondo della moda?
No non lo è per niente. C’è tanta concorrenza, quindi è difficile far capire ad una persona cosa c’è dietro il mondo dei pellami e delle tecniche di lavorazione che rendono una borsa diversa dalle altre anche qualitativamente parlando.

Le Pica bags in cosa sono diverse?
Fanno innamorare chi le guarda. E’ come se parlassero da sole attraverso i dettagli ricercati, i colori vivaci e le forme chic ma versatili.

Raccontaci come avviene il processo creativo
L’ispirazione può avvenire da una foto, un video o qualsiasi altra cosa. Una volta fissato quindi il tema generale della collezione si passa ai disegni che diventano poi prototipi in cartoncino e in salpa per capire quale sia la lavorazione adatta. Dopo la realizzazione del primo modello in pelle si correggono i difetti e si genera quello definitivo. Essenziale è la scelta dei pellami di cui mi occupo personalmente per trovare quella combinazione che emoziona di più.

Quali sono i modelli della collezione?
Ci sono le Kendall bag e mini bag con tracolla, le più grandi Lily e Jess queste ultime più morbide adatte anche a gite fuoriporta. Non potevano mancare Gigi e Bella molto glamour ovviamente! Tutte sono proposte in diverse varianti più o meno vivaci, ma tutte accattivanti.

Un solo aggettivo per descriverle?
Speciali, perché c’è tanto di me in ognuna di loro.

Un tuo sogno?
Poter vedere il marchio in giro per il mondo. Vedere qualcuno che mi passa accanto indossando una borsa che ho realizzato. E’ questa la massima soddisfazione che posso avere.

Siete pronti ad entrare in questo meraviglioso universo facendovi conquistare da queste borse di cui non potrete più fare a meno? So stylish, so Pica!

www.pieracatena.it
info@pieracatena.it



















La verita' su una mamma (fashion) famosaLE CAPPE ITINERANTI DI BURBERRY A MILANO