• MW SUGGESTIONS •

MILANO MODA DONNA DAY 4

Data pubblicazione : 25/09/2016     
Autore : Silvia Cutuli


Di bellezza si parla da Ermanno Scervino, una bellezza tratteggiata a colpi di ago e forbice quanto mai attuale se non addirittura proiettata al futuro. E belli senza mezzi termini, sono gli abiti in pizzo plissé, i capispalla di pelliccia intarsiata sempre con il pizzo, le gonne dagli ampi volumi in stile anni Cinquanta, i corsetti, le vestaglie e le giacche chiodo di pelle bianca.
E di languido romanticismo è intrisa anche la collezione Blumarine, con la rosa - il fiore più amato dalla stilista Anna Molinari - che torna come ricamo di piccoli cristalli in un concerto di bianco e nero. E poi il rosa e l´oro, perché la Molinari è donna energica e solare e di pari passo lo sono le sue creazioni dedicate a viaggiatrici curiose in abiti in pizzo “couture” sangallo, scarpe con le frange di rafia e grandi cappelli.
Il futuro sembra essere più che mai roseo per Bottega Veneta, il marchio acquisito da Kering nel 2001, che celebra i suoi 50 anni di storia e insieme i 15 anni di direzione creativa di Tomas Maier. L´occasione perfetta per portare sotto gli occhi di un pubblico festante, un guardaroba di super lusso segnato da pellami e lavorazioni di alta qualità su cui la casa ha costruito la sua storia, a partire da scarpe e borse. Come ricorda anche la prima borsa intrecciata del marchio, esibita sulla passerella da Lauren Hutton, che nel 1980 l´aveva con sé sul set della pellicola culto “American Gigolò”. Ieri come oggi nel segno del più autentico savoir-faire.





MILANO MODA DONNA DAY 3 PREMIO BASILEO TRA CULTURA E MODA