• MW SUGGESTIONS •

La moda fiore all'occhiello del made in Italy

Data pubblicazione : 17/05/2018     
Autore : Silvia Cutuli


 width=
94,1 miliardi di fatturato, 581mila addetti e 66.700 aziende: che non si dica che la moda col comparto accessori sia molta immagine e poca sostanza.
I numeri parlano chiaro e registrano come l'industria della moda e dei suoi accessori si conferma una delle principali risorse del made in Italy. L'aumento del 3,2% registrata nel 2017, proviene il larga parte dalle esportazioni (+5,2% a 61,8 miliardi) che rappresentano oltre due terzi del totale.
E se i principali Paesi di sbocco in Europa sono Francia (+5,7% a 6,5 miliardi), Germania (+3,7% a 5,1 miliardi), Inghilterra (+4,1% a 3,5 miliardi) e Spagna (+5% a 2,9 miliardi), crescono ma solo leggermente gli Usa (+0,8% a 5,4 miliardi) e il Far East (+3,2% a 3,8 miliardi), resta forte la Cina (+14,1% a 2,2 miliardi) e risulta in buona rimonta la Corea del Sud (+8,5% a 1,4 miliardi). In recupero anche la Russia (+12,4% a 1,7 miliardi), mentre cala il Giappone (-2,9% a 1,7 miliardi).
Tre le categorie che danno migliori performance: molto bene pelletteria, pellicceria ed oreficeria, con un aumento a due cifre, sempre in positivo calzature, tessile abbigliamento e occhialeria.





Festival di Cannes 2018: i look più belli delle starAd ognuna il suo costume!