• MW SUGGESTIONS •

AL VIA MILANO MODA DONNA

Data pubblicazione : 22/09/2016     
Autore : Silvia Cutuli


71 sfilate, 90 presentazioni di cui 5 su appuntamento e 31 eventi per un totale di 176 collezioni che fino al 26 settembre faranno di Milano il crocevia di una moda che sempre più “deve fare sistema”, come auspicato in apertura di fashion week da Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana. "Un´edizione di Milano Moda Donna caratterizzata da un gran numero di eventi di altissima qualità, a partire da quello di apertura "Crafting the Future: storie di artigianalità ed innovazione” (la mostra, curata da Franca Sozzani al MUDEC Museo delle Culture) – dichiara. “Il Governo è pronto a fare molto per la moda” ribatte il Premier Matteo Renzi arrivato per l´inaugurazione al Mudec.

"Milano Moda Donna mette in mostra il meglio del lavoro di migliaia di artigiani e professionisti che tutto il mondo ci invidia – ribadisce l´assessore alle Politiche per il Lavoro, Commercio Moda e Design Cristina Tajani.
"Una settimana che è anche l´occasione per lavorare al futuro del settore rafforzando la collaborazione tra la città e gli operatori. In questa direzione vanno gli eventi aperti al grande pubblico e l´apertura degli spazi più rappresentativi della città come la Sala dalle Cariatidi di Palazzo Reale destinati a valorizzare la creatività dei giovani stilisti". E a proposito di new entry, i nomi nuovi in calendario sono quelli di Giamba, Wunderkind e Ricostru, il giovane sostenuto da Armani.

Intanto nel primo giorno di passerelle rapisce lo sguardo e conquista la mente, Alessandro Michele per casa Gucci. La sua moda che si fa racconto di storie, emozioni, suggestioni rese con accostamenti inediti e anche impensati, lascia spazio all´imprevisto che prende forma abito dopo abito. Con i ricami di facce d´animale, cuori trafitti da spade di pietre preziose, zebre intarsiate nella pelliccia.
Si fa apprezzare Alberta Ferretti con le sue creazioni dall´accennato tocco gipsy intriso di ricami floreali e lavorazioni a traforo, raffinatissime. La purezza del bianco latte scandisce la passerella Francesco Scognamiglio, tra candidi volants e ramage floreali per abiti camicia e minidress freschi e dalla pulizia di linee. Riecheggiano i Settanta da Roberto Cavalli con il direttore creativo Peter Dundas che sembra guardare agli archivi e alle iconiche stampe della casa (che proprio nei´70 sperimentò la tintura e stampa della pelle) rielaborandone i motivi come si farebbe in un collage di culture, stile boho chic.





VOGUE FASHION´S NIGHT OUT MILANO MODA DONNA DAY 2