• MW SUGGESTIONS •

STASERA VADO... A TEATRO !!!

Data pubblicazione : 19/12/2016     
Autore : Antonio Sarti


TUTTI GLI SPETTACOLI IN PROGRAMMAZIONE PER LE FESTIVITA’ NATALIZIE


Fa’afafine – Teatro Franco Parenti (dal 16 al 19 Dicembre)

Esiste una parola nella lingua di Samoa, che definisce coloro che sin da bambini non amano identificarsi in un sesso o nell’altro. Fa’afafine vengono chiamati: un vero e proprio terzo sesso cui la società non impone una scelta, e che gode di considerazione e rispetto. Alex non vive a Samoa, ma vorrebbe anche lui essere un “fa’afafine”; è un “gender creative child”, o semplicemente un bambino-bambina, come ama rispondere quando qualcuno gli chiede se è maschio o femmina. La sua stanza è un mondo senza confini che la geografia possa definire: ci sono il mare e le montagne, il sole e la luna, i pesci e gli uccelli, tutto insieme. Il suo letto è una zattera o un aereo, un castello o una navicella spaziale.


Questa sono io – Teatro Libero (dal 12 al 22 Dicembre)

Un vivace monologo, il cui intento è quello di stigmatizzare la vacuità e l’inutilità, che ci vengono presentati quotidianamente da tutti i mezzi di comunicazione, ma anche dalle molte realtà sociali e culturali di questo nostro Paese preistoricamente moderno. Tra le numerose contraddizioni del nostro tempo, una delle più evidenti e dolorose è rappresentata dalla metà più tenace e fragile della nostra società, la donna. La TV ce la presenta come femmina esibita e mercificata, adatta a ruoli stereotipati e invariabilmente sottomessi.


Le Olimpiadi del 1936 – Tieffe Teatro Menotti (dal 16 al 22 Dicembre)

Lo spettacolo, partendo dalla narrazione di una delle edizioni più controverse dei Giochi Olimpici, quella del 1936, racconta una storia di sport e di guerra. Le storie dello sport sono storie di uomini. Sono storie che scorrono assieme al Tempo dell’umanità, seguono i cambiamenti e i passaggi delle epoche, a volte li superano. È capitato a Berlino nel 1936, quando Hitler e Goebbels volevano trasformare le loro Olimpiadi, o quello che credevano che fossero le loro Olimpiadi, nell’apoteosi della razza ariana e del nuovo corso. E invece quelle Olimpiadi costruirono i simboli più luminosi dell’uguaglianza.


Cenerentola – Piccolo Teatro Strehler (dal 13 al 22 Dicembre)

Un grande balletto classico dal taglio fiabesco che mantiene intatta la magia e l’incanto del racconto di Perrault: è la Cenerentola di Frédéric Olivieri sulle musiche di Sergej Prokof’ev, coreografia creata dal direttore della Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala per i suoi giovani allievi.
Il carattere di ciascun personaggio è tratteggiato attraverso temi musicali che seguono le vicende narrate nella storia: così Cenerentola è caratterizzata da tre diversi temi, il primo che sottolinea il senso di oppressione e solitudine, il secondo la speranza in un futuro più roseo e il terzo l’innamoramento e la gioia della serenità raggiunta.


Catapult: magic shadows – MTM Teatro Leonardo (dal 20 Dicembre al 8 Gennaio)

Con Catapult incontrerete l’incredibile talento e il virtuosismo di un oscuro parente del corpo umano: la sua incredibile, multiforme, sorprendente ombra. Torna a grande richiesta Magic Shadows, lo spettacolo dei Catapult che ha affascinato il pubblico italiano nella ultime due stagioni teatrali. I Catapult hanno iniziato la loro carriera conquistando il pubblico americano con le loro sorprendenti performance nella trasmissione America’s Got Talent 2013 e nel 2014 sono arrivati per la prima volta in Italia con il loro show mozzafiato di ombre danzanti.


Buena Onda – Teatro Franco Parenti (dal 26 al 30 Dicembre)

Da un fuoriclasse del buonumore quale è Rocco Papaleo, ecco a voi una nave carica di energia, allegria e divertimento che vi traghetterà nel nuovo anno.
Umorismo venato di malinconia per uno spettacolo divertente e originale. Nel teatro di una nave da crociera si consuma il conflitto tra il capitano (Giovanni Esposito) e l’introverso cantante (Rocco Papaleo) dell’orchestra ingaggiata per divertire gli ospiti. Il primo privilegia l’intrattenimento da barzelletta mentre il secondo non perde occasione per intonare canzoni alla ricerca di una libertà di espressione che possa riscattare il fallimento della sua carriera artistica.


I nani burloni – Piccolo Teatro Studio Melato (dal 20 Dicembre al 3 Gennaio)

Tradizionale appuntamento natalizio con la Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli che mette in scena una favola tratta da una leggenda del Nord Europa. Un mago cattivo rapisce una giovane all’uscita della Messa di Natale, il suo innamorato cerca di salvarla e ci riuscirà, ma solo con l’aiuto del Re dei nani e della sua spada incantata.
 

Lehman Trilogy – Piccolo Teatro Grassi (dal 3 al 21 Gennaio)

Ha il respiro, lo stile e l’andamento di un poema epico il testo in cui Stefano Massini racconta 160 anni di storia del capitalismo, dalla metà dell’Ottocento – il primo dei fratelli Lehman, Henry, sbarca in America l’11 settembre (data sempre fatidica per la storia statunitense…) 1844 – al 2008, anno del fallimento della banca fondata dalla famiglia a New York, la Lehman Brothers. Storia di uomini e donne, di padri e figli, di temperamenti e passioni, di cotone, carbone, ferrovie, denaro e speculazioni finanziarie, la saga dei Lehman è al tempo stesso uno squarcio di sogno americano.


Novecento – MTM Teatro Litta (dal 28 al 31 Dicembre)

Novecento è sicuramente una buona storia da condividere, forse una delle migliori. La storia, incredibile, fantastica, quasi irreale di Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento, il più grande pianista del mondo, nato su una nave e lì vissuto per tutta la vita, senza mai scendere. L’uomo che sapeva suonare una musica indefinibile, soprattutto quando suonava in terza classe, per chi non se la poteva permettere. La dimensione è quella del ricordo, denso, intenso, come accade con le grandi storie che parlano di un tempo andato e riempiono le ore lunghe, magari ascoltate dalla rauca voce di un marinaio in una bettola in un porto, tra incanto e incredulità, tra verità e allucinazione.




















FEDERICO BUFFA E LE OLIMPIADI AL TEATRO MENOTTINATALE D'ARTISTA