• MW SUGGESTIONS •

MARCO PANTANI IN POLVERE

Data pubblicazione : 04/04/2017     
Autore : Antonio Sarti


Il 14 Febbraio 2004 è un giorno che avrebbe dovuto essere felice per moltissima gente e invece si trasforma in un incubo che nessuno avrebbe voluto vivere: dall’entusiasmo di tanti per la festa di San Valentino allo sconforto e incredulità che scuotono un’Italia quasi addormentata attorno alle undici di sera.

Marco Pantani non c’è più. È scattato veloce sulla sua bici verso un altro luogo, decisamente più lontano ma altrettanto incantevole come quelle montagne su cui dominava avversari e conquistava vittorie rimaste nella storia del ciclismo: ultimo in grado di conquistare la doppietta Giro d’Italia – Tour de France, ultimo italiano a trionfare nella corsa francese fino a Vincenzo Nibali tre lustri dopo. Primo, quello si, sul traguardo in salita, lì succedeva spesso per non dire quasi sempre.

Questo però è un Pantani che già da tempo era salpato per altri lidi: da quel famigerato 5 Giugno 1999 a Madonna di Campiglio, tutto è cambiato, probabilmente Marco era già morto lì, stroncato dalle accuse infamanti di doping, un’onta che era troppo per lui, abituato alla ribalta dei media e alle ovazioni del pubblico quando scattava sui pedali per andarsi a prendere un altro successo.

Purtroppo da quel 5 Giugno inizia un’altra storia, che dalle alte vette di Campiglio lo porterà fin giù negli abissi personali, in riva al mare della sua Romagna, dove in una stanza d’albergo lascerà quel poco che ancora rimaneva di una vita ormai in monocolore dopo un’epopea in rosa e giallo.

Lo spettacolo “Marco Pantani - In polvere”, curato dalla compagnia “Fenice dei rifiuti”, si esime da ogni giudizio su come siano andate le cose, ma si propone invece di offrire una ricostruzione della vita di questo straordinario talento che nel bene e nel male fa senz’altro parte della storia italiana. Lo fa attraverso l’uso di linguaggi narrativi e di strumenti espressivi tra i più diversi, strutturando il racconto in un percorso a ritroso nella vita di Marco, allo scopo di restituirne un quadro completo e onesto. Sullo sfondo, ma non troppo, si muove anche una figura femminile, quella che più di tutte ha creduto da sempre all’innocenza di Marco e l’ha seguito sulla via crucis che l’ha portato fino a toccare il fondo con la cocaina: Tonina Pantani, una donna vera, come lo spettacolo ci mostrerà, che ha lottato prima per salvare suo figlio dalla spirale che lo ha ucciso, poi per ottenere giustizia e dimostrare al mondo che quel suo Marco volava sui pedali senza nessun aiuto.

“Marco Pantani - In polvere”. Scritto e diretto da Alessandro Veronese. Con Luisa Bigiarini, Giulia Martina Faggioni, Francesca Gaiazzi, Alessandro Prioletti, Federico Sala, Alessandro Veronese

Dal 3 aprile al 15 aprile 2017 al Teatro Libero






BOOK REVIEW: L'ARMINUTACINEMOZIONI: "GHOST IN THE SHELL", UN ATIPICO FUTURO SEMPRE PIÙ ODIERNO?