• MW SUGGESTIONS •

L´ULTIMA AVVENTURA DI CASANOVA AL PICCOLO TEATRO STUDIO MELATO

Data pubblicazione : 17/05/2016     
Autore : Antonio Sarti



Un Casanova sul viale del tramonto per un´opera di Arthur Schnitzler trasformata magistralmente in uno spettacolo di successo da Federico Tiezzi, con il decisivo apporto qualitativo di Sandro Lombardo, interprete tra i più acclamati e apprezzati del panorama teatrale italiano: l´eterno dissidio tra amore e morte, tema caro anche a Sigmund Freud, torna prepotentemente sul palcoscenico del Piccolo presentando un racconto narrato in prima persona – con una scelta registica molto coraggiosa – da Casanova stesso.

Anche per Casanova sembra essere venuto il momento di uscire di scena e dedicarsi al ritorno all´amata Venezia, le sue suppliche alla città natia sembrano essere state accolte e potrà ora trovare nuova casa nella patria lagunare. Quello che il romantico ma spietato conquistatore amoroso non sa è che sulla sua strada troverà un ostacolo a fermarlo: il suo nome è Marcolina, fredda ma bellissima ragazza che Casanova incontra in una casa di campagna del mantovano, dove un vecchio amico lo accompagna.
Per Casanova tuttavia questa volta è diverso: la giovane non lo considera affatto, anzi ne sembra quasi disgustata, innamorata com´è del sottotenente Lorenzi. Egli crolla allora nella disperazione e in preda allo sconforto, resosi conto che è ormai troppo vecchio e consumato dalla vita per poter ancora conquistare una donna di tale fattura.

Non contento e senza arrendersi al trascorrere del tempo, Casanova decide che quella donzella dovrà essere sua a ogni costo: incredibile ma vero, egli riesce a sedurla e ad avere una notte di fervida passione con Marcolina, assumendo le sembianze dell´amato Lorenzi che tanto brillava agli occhi della giovane. Ma il meglio deve ancora arrivare: la mattina seguente la situazione prende una piega inaspettata e drammatica, sconvolgendo Casanova.

Appare fortemente quello che è il tema che Schnitzler e lo stesso Tiezzi cercano di trasmettere, la presa di coscienza e la mancata accettazione dello scorrere del tempo, ma non solo: il farsi guidare da falsi valori e il desiderio di un´eterna gioventù costano caro a Casanova, come si vedrà nello scorrere dell´opera; da non perdere infine la grande professionalità attoriale di Sandro Lombardo, che porterà veramente sul palco gli intimi dissidi del grande Casanova.

"Il ritorno di Casanova", di Arthur  Schnitzler, per la regia di Federico Tiezzi, con Sandro Lombardo. Al  Piccolo Teatro Studio Melato dal 17 al 29 Maggio. www.piccoloteatro.org





AMORI, GUERRA E ALTRI DRAMMI UMANI: LA “DANZA IMMOBILE” DI CORRADO ACCORDINO.IL CUORE DELLA SICILIA AL TEATRO LIBERO