• MW SUGGESTIONS •

Pornografia e misteri del desiderio

Data pubblicazione : 17/03/2014     
Autore : Silvia De Bernardi


Un romanzo traghettato nel teatro dall’abilità di Luca Ronconi, capace di scatenare un’alchemica reazione tra la storia scritta e il linguaggio della scena.
Una traduzione del libro attraverso gli strumenti del teatro. Lo scandalo moderato della narrazione  divampa nella messa in scena, il linguaggio si satura di lussuria, ogni parola si scardina dal contesto per intorbidirsi di allusioni,  grazie ai  doppi sensi e all’abilità recitativa.
Toni, sguardi e movimenti studiati alla perfezione. L’allusività della parola si allarga anche ai gesti e agli oggetti quotidiani,  cucire un orlo o allacciare una scarpa diventano azioni cariche di erotismi  latenti.
“PORNOGRAFIA”, storia di due signori di mezza età, ospiti in una casa di campagna durante l’occupazione nazista della Polonia, incapaci di darsi pace, osservando la figlia dei padroni di casa e un ragazzo a loro servizio,entrambi giovani e piacenti, essere indifferenti uno all’altra.Enrichetta e Carlo in realtà traboccano grazia, sono belli e innocenti, non interessati al sesso, ma i vecchi signori si lanciano in un delirio di interpretazione e tessono per loro una ragnatela di libidine.
Traspare qui l’incubo, caro ai romanzi di Gombrowicz, di un’umanità paralizzata nella fissità di una forma fabbricata dall’esterno, due ragazzi ingabbiati in una gioventù così come la vogliono vedere i due vecchi, piena di godimento e straripante di irresponsabilità.
Un romanzo accattivante che  si fa splendida drammaturgia, in cui l’inespresso della scrittura diventa  fonte di ulteriore  profondità per l’elaborazione scenica.
Un gioco teatrale fatto di desiderio e sentimento, capace di catturare il pubblico.
Fino al 5 aprile, al Piccolo Teatro Grassi, con Riccardo Bini e Paolo Pierobon, per la regia di Luca Ronconi.         





La responsabilita' della storia va in scena al Teatro ParentiTutti in coda per Klimt