• MW SUGGESTIONS •

MANET. RITORNO A VENEZIA

Data pubblicazione : 26/11/2016     
Autore : Diletta Pieraccini



“Manet. Ritorno a Venezia”
, frutto della  collaborazione tra la Fondazione Musei Civici  di Venezia  e il Musée
d´Orsay
, è il catalogo della mostra tenutasi nelle monumentali sale di Palazzo Ducale. Un volume di straordinaria bellezza, perfetto per un regalo natalizio ad un amico appassionate di arte, ma anche di viaggi, dal momento che figurano opere inedite in cui l’artista dipinge attraverso uno sguardo innamorato, il tour compiuto nel nostro paese.
Per molto tempo, la critica si è concentrata sulla modernità di Edouard Manet, ricollegandola soprattutto all’ispanismo delle fonti, primi fra tutti Goya e Velazquez.
Tuttavia il volume si propone di rivelare una fondamentale omissione di questo approccio: l’influenza dell’arte italiana nella sua formazione e nella sua ricerca.
Non tutti sanno ad esempio che, per uno dei suoi più celebri dipinti, Le Déjeuner sur l´herbe, opera scandalosa rivolta alla borghesia, le fonti furono Giorgione e Tiziano. In particolar modo, la critica lo comparò a Giorgione perché quest’ultimo, nel suo Concerto Campestre, aveva sì concepito un’opera di dubbia moralità, ma il tutto era stato riscattato dai colori utilizzati per le vesti. Mentre Manet, provocatore per eccellenza, sostituendo a quell’abbigliamento i costumi veneti, dipinse un nudo che venne definito “inevitabilmente indecente”.
Questa però non è l’unica testimonianza dell’amore dell´artista per l’Italia.
Nel 1874, egli "fece ritorno a Venezia" per ritrovarsi a contatto con Carpaccio, Tintoretto, Guardi e Longhi. Le vedute del Canal Grande, ricche di blu profondi e bianchi lucenti, testimoniamo tutto l’amore e la fascinazione provata dall’artista verso la nostra patria.
Mai nessun libro fino ad ora, aveva dato tanta rilevanza ad un aspetto estremamente peculiare come le fonti italiane e riuniva una produzione così corposa. Sfogliando le pagine, veniamo condotti in un sogno ad occhi aperti alla scoperta dell’artista e dell’Italia, grazie a capolavori dotati di un fascino sempre attuale.

“Manet. Ritorno a Venezia” edito da Skira Milano, con testi di: Roberto Calasso, Guy Cogeval, Stéphane Guégan, Gabriella Belli, Flavio Fergonzi, Cesare De Seta.






FINCHE´ GIUDICE NON CI SEPARI: INTERVISTA AGLI ATTORIZWITTERION: RUBEN PANG ALLA GALLERIA PRIMO MARELLA