• MW SUGGESTIONS •

LA MENNULARA

Data pubblicazione : 12/09/2016     
Autore : Antonio Sarti



Maria Rosaria Inzerillo era il suo nome di battesimo: la incontriamo, o meglio non la incontriamo ma ne abbiamo notizia, il giorno della sua morte, il 23 Settembre 1963. La chiamavano “la mennulara”, perfetta sintesi della perifrasi italiana “la raccoglitrice di mandorle”: è una figura umile e schiva, una cameriera che fin dalla giovanissima età di 13 anni ha servito con grande professionalità la famiglia degli Alfallipe. Ma la mennulara è stata anche la vera padrona di casa: con una eccellente gestione economica, pur senza saper ne leggere ne scrivere, Maria Rosaria ha permesso ai membri della famiglia Alfallipe di poter vivere di rendita, senza alcuna preoccupazione materiale.

Ora che se n’è andata, il paese è in fermento e tutti sembrano avere la loro versione da dare: chi afferma addirittura che sarebbe stato il sodalizio con un mafioso a dare soldi e tranquillità economica alla mennulara e alla famiglia.
Dietro al pettegolezzo e al vociare comune, Simonetta Agnello Hornby traccia un ritratto preciso e appassionante della figura di questa donna dai tratti quasi mitici: dalle innumerevoli disgrazie di cui fu vittima in giovanissima età, che la portarono a lavorare già prima dei 14 anni per mantenere la madre e la sorella, fino al turbinio di amori e amanti che ne segnò l’esistenza. La narrazione prende a tratti la forma di un romanzo di formazione all’inverso, dal momento che se la mennulara appare inizialmente come forte e decisa, quello che invece emerge al termine del racconto è una figura che fu più vittima degli eventi che non direttrice della propria vita.

Notevole è anche il palmares che questo primo romanzo della Agnello Hornby porta in dote: oltre alle numerosissime traduzioni estere, la vittoria nel prestigioso “Premio Stresa” e nel “Premio Alassio Centolibri”.

Titolo: La mennulara
Autore: Simonetta Agnello Hornby
Editore: Feltrinelli
Prezzo: 14,00 €




AL TEATRO MENOTTI VA IN SCENA LA CONTAMINAZIONENOI DUE