• MW SUGGESTIONS •

José Pinho lancia Letti di notte 2016

Data pubblicazione : 08/04/2016     
Autore : Loretta Masini


Letti di notte, la notte bianca del libro, quest’anno avrà un tema: le città. Il 18 giugno più di trecento librerie in tutta Italia si trasformeranno in Città e le racconteranno non solo attraverso la letteratura, ma anche con musica, fotografie, immagini e gastronomia del luogo che vorranno “essere”. Sarà José Pinho a lanciare a Milano lunedì 11 aprile l’edizione di una delle manifestazione più amate e partecipate dai librai.

Ma chi è José Duarde de Almeida Pinho, al secolo José Pinho? Il libraio più creativo di Lisbona, che è arrivato nel 2015 a conquistare l’UNESCO, nasce a Sao Pedro do Sul, studia lingue e letteratura, vive in Francia e nel 1999 apre a Lisbona con alcuni amici una libreria indipendente dalla struttura unica al mondo: due piani scaffalati di libri inondati di luce, attorno a un moderno totem, una vecchia macchina tipografica, che riposa al centro come un gigante addormentato.
La libreria è un angolo di paradiso all’interno dello spazio LXFactory, con una bicicletta sospesa al centro della sala, simbolo del volo senza fine che la letteratura compie da una storia all’altra. Ma il progetto di José lo porta oltre Lisbona, apre altre dieci librerie indipendenti e crea a Obidos un festival letterario, che fa ottenere alla città nel 2015 il titolo UNESCO di città letteraria.

Per chi volesse conoscere questo straordinario uomo, libraio, operatore della cultura, l’appuntamento è lunedì 11 aprile alle 19.00 al Laboratorio Formentini in via Marco Formentini 10 a Milano, dove José Pinho incontrerà librai e pubblico, dialogando con Alcide Pierantozzi. Interverrà Serena Casini - Libreria Volante- su creatività & libreria.
Il tour di José in Italia proseguirà poi a Torino martedì 12, dove il Ponte sulla Dora diventerà una piccola Lisbona e a Roma mercoledì 13.
Letti di notte: In libreria c’è tutto il mondo.












CIO’ CHE VIDE IL MAGGIORDOMO AL TEATRO S. BABILAPINUCCIO CHIAMA, IRRIVERENZA E SATIRA PER UNA SERATA TUTTA DA RIDERE