• MW SUGGESTIONS •

“CLASSICI DA RISCOPRIRE” - FURORE

Data pubblicazione : 27/10/2016     
Autore : Antonio Sarti



“Furore”
di John Steinbeck è uno dei quei romanzi che ciclicamente tornano all’attenzione del grande pubblico, un po’ perché la narrativa americana attira sempre, un po’ per i temi spesso attuali che propone.
Oggi vogliamo uscire dal seminato per il quale questo testo viene considerato semplicemente come una sorta di storia degli Stati Uniti dopo la grande crisi del 1929: l’opera di Steinbeck è anche questo, ma al tempo stesso è molto di più.
L’esperienza tragica e devastante che coinvolge un’intera generazioni di contadini e agricoltori, gente concreta e abituata all’immutabilità delle proprie condizioni di vita, è il soggetto su cui si articola il racconto. Nel momento in cui la borsa americana crolla nel famoso Giovedì nero di Wall Street, è già chiaro a tutti che ogni cosa cambierà e diverrà totalmente diversa da prima: quello che forse non era ancora evidente era l’impatto che avrebbe avuto anche su chi nemmeno sapeva cosa fosse la borsa di New York.
La politica del “New deal” di Roosevelt, che pure contribuì a fermare il crollo dei prezzi del grano, provocò infatti una serie di migrazioni di massa di agricoltori rimasti senza lavoro a causa del divieto di produrre; è proprio su questo filone che si muove Steinbeck, raccontando l’epopea della famiglia Joad, che dall’Oklahoma si muove verso il sogno dorato di un nuovo inizio in California.
Tra tensioni crescenti e incontri con personaggi che nell’intento di Steinbeck vogliono rappresentare il fallimento delle politiche nazionali, la famiglia Joad affronterà avventure e ostacoli ma con la fiducia almeno apparente in ciò che li attende una volta arrivati, la prospettiva di un nuovo lavoro per tutti nonostante il dolore per la terra natia lasciata.
La scrittura di Steinbeck è a tratti scioccante: crudo e realistico il suo linguaggio così come la descrizione delle scene, ma altrettanto stupefacente la sua capacità di narrare per immagini la povertà e l’ineluttabilità del destino che costringe a lasciare la propria casa. Sicuramente non è una sceneggiatura ricca di colpi di scena, ma è evidente che non sia questo l’intento dell’autore, quanto piuttosto dare spazio ai protagonisti e raccontare in maniera non retorica il loro viaggio.

Titolo: Furore
Autore: John Steinbeck
Editore: Bompiani
Prezzo: 11,90 €




ARLECCHINO AL TEATRO SAN BABILABOOM 60! ERA ARTE MODERNA