• MW SUGGESTIONS •

Due "geni" leggendari in Genius, con Colin Firth e Jude Law

Data pubblicazione : 09/12/2016     
Autore : Franca D.Scotti


La storia di un famoso editor di nome Maxwell Perkins, che lavorò con Francis Scott Fitzgerald e dello scrittore Thomas Wolfe: è questo il tema del film Genius, di Michael Grandage, appena arrivato sugli schermi.
Una superba interpretazione di Colin Firth e di Jude Law, uno misuratissimo, controllato, paziente, l’altro esuberante e torrenziale.
Al centro la passione per la scrittura e gli scrittori.
Genius, già presentato in concorso al Festival di Berlino e poi alla Festa del Cinema di Roma, racconta la storia vera di un celebre editor americano di inizio ‘900 di nome Maxwell Perkins, che lavorò con Francis Scott Fitzgerald, Ernest Hemingway e con
lo scrittore che in questo caso è co-protagonista del film, Thomas Wolfe.
Perkins ebbe l’intuizione di scommettere, forse unico e audace, su Wolfe, aiutandolo ad arginare la sua scrittura esuberante, per la pubblicazione con cui poi conquistò il successo.
Con i due romanzi, “Angelo, guarda il passato” e “Il fiume e il tempo”, Wolfe divenne famoso e rimase eternamente grato al suo Pigmalione. Il film è dunque la storia di un rapporto professionale, ma anche sentimentale e personale.
Il rapporto tra i due intellettuali diventa infatti talmente intenso da mettere in pericolo tutti gli altri sentimenti: quelli familiari verso moglie e figlie di Perkins e quelli amorosi per la donna che lo sostiene e lo incoraggia (interpretata da
Nicole Kidman) per Wolfe.
Come tutti i geni, Wolfe era talmente consumato dalla sua arte da arrivare ad isolarsi completamente dal mondo e a sviluppare una malattia che lo porterà alla morte a soli 38 anni.
Tra le figure principali, grandi prove d’attore, si inseriscono le figurine di Fitzgerald, Zelda, Hemingway, ricreando l’affascinante atmosfera creativa dell’America anni ’20.
Perfettamente idonei i due attori per la parte: Firth, di grande rigore tecnico, Law di debordante visionarietà. “…e tutta la singolarità e la gloria e il potere della vita…”
Un passaggio del discorso di Thomas Wolfe a Max Perkins.





LE RAGAZZE DOPPIA COPPIA AL TEATRO SAN BABILA