• MW SUGGESTIONS •

Blade Runner 2049: nuove suggestioni

Data pubblicazione : 06/10/2017     
Autore : Franca D.Scotti



Visionario, ovviamente, come da aspettative mondiali, spettacolare, immaginifico, ricco di effetti speciali. Ma anche profondo, attento a interrogativi esistenziali, metafisico.
E’ il nuovo Blade Runner 2049 di Villeneuve con i due protagonisti, perfettamente aderenti alle parti, un intenso Ryan Gosling nella parte dell'ufficiale K e un invecchiato, malinconico Harrison Ford.

“Miracolo”, “anima” sono tra le prime parole del film, che introducono  già il tema dominante. La centralità dell’essere, la dimensione umana più autentica, l’amore come scelta,  il tema della  redenzione. E poi ancora più dominante il tema della salvezza, di un bambino che salva il mondo e riscatta gli oppressi. Chiari e voluti i riferimenti alla Bibbia e, per i più colti, addirittura a Virgilio che anticipa l’idea di un bimbo salvatore.
Il tutto in un’atmosfera che ondeggia tra scene apocalittiche, città verticali, architetture oppressive, deserti di rovine  e ambientazioni  vintage, poltrone in cuoio, pareti scrostate, interni da hotel anni ’30, musiche altrettanto vintage, tra Frank Sinatra ed Elvis Presley. Che determinano anche la riuscita di questo progetto ambizioso e rischiosissimo.


La trama di Blade Runner  2049 si svolge trent'anni dopo gli eventi del primo film. Un nuovo blade runner, l'Agente K della Polizia di Los Angeles, è sulle tracce di un vecchio Nexus quando scopre qualcosa che potrebbe cambiare tutte le conoscenze finora diffuse  sui replicanti, e dunque cambiare il mondo.
La sua scoperta lo spinge verso la ricerca di Rick Deckard, Harrison Ford, un ex-blade runner della polizia di Los Angeles sparito nel nulla da 30 anni.
Così si svolge  la ricerca tra dubbi, ricerca su sé e sul passato, intuizioni, scoperte.

Colpisce, nel linguaggio scelto da Villeneuve, la componente di giallo metafisico, di noir fantascientifico, di dimensioni temporali sospese e intrecciate. Componenti che si innestano e danno spessore ad un film già visivamente ricercatissimo, al massimo livello di scenografia e grandiosi effetti speciali.





DIAVOLI CUSTODINURIA MORA - DRISHTI