• MW SUGGESTIONS •

Borrelli con ''Malacrescita'' al Teatro Studio

Data pubblicazione : 03/11/2014     
Autore : Silvia De Bernardi


Un’opera di straordinaria potenza linguistica, una tragedia folle, la storia di una Medea contemporanea, di una madre che consuma sui figli la propria atroce vendetta per una vita infelice e miserabile.
“Malacrescita” racconta la sofferenza capace di farsi follia, la solitudine in grado di degenerare in crudeltà, nella vita disgraziata di una Napoli camorrista e insanguinata.
Maria Sibilla Ascione, cerca vendetta contro il padre dei suoi figli, che l’ha calpestata, ferita e tradita: Francesco Schiavone, intraprendente bulletto di periferia determinato e disposto a tutto pur di raggiungere il potere. 
E la vendetta si consuma con la più atroce trama possibile: non uccide i figli come aveva fatto Medea, ma li rende scemi, avvinazzandoli invece di allattarli, li lascia vivere ma li abbandona come rifiuti.
Al pari di due cani lasciati a se stessi, i due gemelli rivivono e raccontano sul palco i fatti atroci della loro vita, tra rantoli, versi, ricordi sfuocati, urla, in un ossessivo teatrino quotidiano.
Un grande Mimmo Borrelli per un’analisi cruda dell’animo umano, di quella parte così buia e nascosta di noi stessi da generare terrore e fastidio.
La miseria del cuore in grado di annebbiare la ragione, di cancellare ogni traccia di umanità fino al baratro della disperazione. Al Piccolo Teatro Studio, dal 5 al 9 novembre “Malacrescita” di Mimmo Borrelli.     





Il Principio dell'incertezza al Teatro LiberoSublimi voci di dentro di Tony Servillo