• MW SUGGESTIONS •

VALENTINO VAGO PROTAGONISTA A MILANO

Data pubblicazione : 08/01/2018     
Autore : Alice Civai


«Considero questo lavoro la summa dei miei settant’anni di pittura. Settant’anni dedicati a cercare bellezza. [...] Confesso che mentre facevo quest’opera, quest’opera si è fatta. Il colore diventava luce e la luce diventava colore, e questo è il massimo risultato che si possa ottenere in pittura.
[...] Io spero che trasmetta veramente la gioia della bellezza della pittura. È una pittura che nasce qua, illumina questo spazio, e spero illumini l’animo e il cuore di tutti quelli che la vedranno.»

Con queste parole intrise di passione e trasporto l’artista Valentino Vago (Barlassina, 1931) ha presentato lo scorso 7 maggio 2017 il suo ventunesimo intervento pittorico in un edificio sacro: l’opera ambientale in San Giovanni Laterano in piazza Bernini a Milano.

L’opera recentemente completata è una manifestazione eloquente della sua “astrazione generosa e sconfinata [...] portatrice di verità e speranza” che contraddistingue l’intera produzione dell’artista, ripercorsa e presentata al pubblico con la mostra VALENTINO VAGO. OLTRE L’ORIZZONTE allestita negli spazi di due storiche gallerie milanesi: la Galleria Annunciata e la Galleria del Milione.

L’esposizione, il cui termine era previsto per il 15 gennaio, è stata prorogata fino al 2 febbraio 2018: c’è dunque quasi un altro mese di tempo per scoprire la bellezza e la raffinatezza dell’opera di Vago, fatta di colore, stratificazioni di pittura e vibrazioni intense, un universo di luce e colore che ci sorprende e ci circonda.

“Orizzonte” è la parola chiave necessaria alla lettura dell’intera opera dell’artista. La rappresentazione e l’indagine di uno o più orizzonti, costituiti da linee alle volte fluttuanti e altre volte tese, sono l’elemento ricorrente della produzione dei primi anni Sessanta, di cui troviamo una significativa selezione negli spazi della Galleria Annuciata. Nei decenni successivi Valentino Vago ha continuato a confrontarsi con il concetto di orizzonte, riuscendo a interiorizzarlo e a superarlo. L’orizzonte da entità geografica diviene situazione psicologica, le linee e le cesure scompaiono dalle tele tramutandosi in intense vibrazioni: un complesso percorso quello compiuto dall’artista, che porta al profondo cambiamento riscontrabile nelle opere esposte presso la Galleria del Milione, tutte realizzate nel 2017.

“Oltre l’orizzonte” più che una semplice mostra è un vero e proprio progetto: si aggiungono al coinvolgimento delle due importanti sedi espositive, altre iniziative legate al lavoro di Valentino Vago. In questo primo mese del 2018 sono previste due visite guidate condotte da Roberto Borghi, curatore delle esposizioni, all’opera ambientale in San Giovanni Laterano nei giorni di sabato 13 e lunedì 22 gennaio, entrambe alle ore 17.00.
Presso la Libreria Popolare di via Tadino (via Tadino, 18), inaugurerà inoltre l’11 gennaio una mostra dei cataloghi delle opere e delle pubblicazioni dedicate a Valentino Vago dagli anni Sessanta ad oggi. L’esposizione sarà introdotta da una riflessione di Roberto Borghi sui contributi critici dedicati all’artista e sarà visitabile fino al 10 febbraio 2018.

“Oltre l’orizzonte” è un progetto ampio, curato e di rilievo che coinvolge varie istituzioni e luoghi storici di Milano, che rende omaggio ad un artista importante che ha legato molte delle sue esperienze a questa città; scoprire la sua opera e le sue molteplici declinazioni è davvero un ottimo modo per cominciare al meglio il 2018.





LA RECENSIONE DI "WONDER""ROSALYN" AL TEATRO CARCANO