• MW SUGGESTIONS •

LA MILANESIANA 2016

Data pubblicazione : 27/06/2016     
Autore : Silvia De Bernardi



La rassegna ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi è giunta nel 2016 alla sua 17° edizione, con un programma sorprendente “di arte varia”, per citare  Paolo Conte, che si articolerà dal 23 giugno al 18 luglio, non solo nelle splendide serate milanesi, ma anche con appuntamenti matinéee ed eventi pomeridiani, in un continuo stimolo di curiosità culturali.
Nonostante l’appartenenza a Milano, rivendicata come forte identità dal nome stesso della manifestazione, alcune mostre ed incontri saranno estesi alle città di Torino e Firenze.
Come ogni anno la Milanesiana avrà un tema: nel 2016 è dedicata alla vanità, ben rappresentata dalla rosa gotica che simboleggia la rassegna.
Sempre contraddistinta dalla sua vocazione internazionale, che negli anni ha portato a Milano premi Nobel, premi Pulitzer, ma anche premi Oscar e Medaglie Fields per la matematica, anche questa Milanesiana vedrà esibirsi sul tema della vanità oltre 100 ospiti stranieri. Tra questi ricordiamo per la letteratura lo scrittore inglese Jonathan Coe, molto amato in Italia, i premi nobel per la Letteratura John Coetzee e Gao Xingjian, il francese Michel Houellebecq, recentemente discusso per il suo Sottomissione e Michael Cunningham, premio Pulitzer per il romanzo Le ore.
I momenti musicali  vedranno protagonisti tra gli altri Paolo FresuAntonio Ballista e Ramin Bahrami e l’importante collaborazione della fondazione I Pomeriggi Musicali, da sempre impegnata a creare a Milano eventi musicali degni di una città cosmopolita.
Gli appuntamenti sono tanti e tutti golosi per chi ha fame della cultura spettacolo, ma non spettacolarizzata, in questo proliferare di festival a volte azzardati e poveri di veri contenuti.
Segnalo il 1 luglio una giornata interamente dedicata ai primi 70 anni della casa editrice Neri Pozza, in cui interverranno gli autori Matthew Thomas e Sandra Petrignani.
Il 9 luglio omaggio a David Bowie con letture di Aldo Nove, proiezioni cinematografiche, interventi di Gianni Canova, Mogol ed il regista Giovanni Veronesi.
Il 13 luglio una serata insieme a Jean-Jaques Annaud con in chiusura la proiezione de Il nome della rosa, a trent’anni dall’uscita del film.

L’intero programma è consultabile sul sito www.lamilanesiana.eu





GLI OCCHIALI D´ORO, SANDRO LOMBARDI LEGGE GIORGIO BASSANIIL MENÙ DELLA POESIA, LASCIATI PRENDERE X LA GOLA!