• MW SUGGESTIONS •

DALLA CINA CON FURORE!

Data pubblicazione : 16/04/2018     
Autore : Alice Civai


La galleria Lorenzelli Arte (Corso Buenos Aires, 2) apre le porte al fascino dell’estremo oriente: fino al 26 maggio sarà infatti ospitata nelle sue sale la mostra “Paintings and Sculptures 2007-2017”, la prima grande personale nel nostro Paese di LIU RUOWANG, uno dei maggiori artisti contemporanei della Cina. La mostra milanese segna il ritorno nel nostro paese dell’artista dopo il successo riscosso con l’installazione “Black Wolves” presentata alla Biennale di Venezia del 2015.

Liu Ruowang, pittore e scultore allo stesso tempo, unisce con efficace equilibrio aspetti culturali della sua tradizione con elementi trasversali e innovativi, dando vita ad un linguaggio del tutto originale, contemporaneo e universale. La mostra, curata da Luca Massimo Barbero e Matteo Lorenzelli, si concentra sui lavori prodotti nell’ultimo decennio, portando in corso Buenos Aires un totale di oltre quaranta opere tra sculture e dipinti.

Entrando nelle sale della galleria, salta subito, inevitabilmente, agli occhi la spiccata propensione dell’artista per le grandi dimensioni, tutte le opere - sia le tele sia le sculture - sfiorano la monumentalità, una scala aumentata gestita dall’artista con rara maestria: la loro importante presenza non diviene mai ingombro e non ostacola la percezione dell’ambiente circostante.

Secondo filo conduttore che lega tutte le opere tra loro è la centralità data da Ruowang al tema della natura: in mostra troviamo il branco di lupi reso celebre dalla Biennale, quindici scimpanzè e un dodo, gruppi scultorei a cui fanno da contrappunto le ampie tele ritraenti volti di animali o animali nel proprio habitat in cui la fedeltà mimetica lascia spazio a deformazioni che favoriscono l’espressività.

Le opere di Liu Ruowang sono energiche e vibranti, inoltre disposte con studiata cura e abilità scenica a creare all’interno della galleria un percorso tanto avvolgente e immersivo quanto discreto ed elegante.





LA SCOMPARSA DI VITTORIO TAVIANIANTONIO TABUCCHI, IN ARRIVO UN ROMANZO INEDITO