• MW SUGGESTIONS •

Viso pallido? No grazie!

Data pubblicazione : 24/08/2017     
Autore : Manuela Caramella



Ce l'abbiamo fatta. Trascorse ore in spiaggia cosparse di creme ,ingoiate pillolette di integratori per la melanina , consumate quantità industriali di carote, meloni, pomodori ed albicocche e chi più ne ha più ne metta...alla fine ...diciamocelo...abbiamo conquistato un' abbronzatura invidiabile.
Ma come conservare la sudata ( è il caso di dirlo) tintarella ?
Ecco qualche semplice accorgimento per portare ancora per un po' con noi il colore dell'estate

- Alimentazione: gli stessi cibi che ci hanno aiutato in vacanza continuano a farlo tornati in città.
Via libera quindi a frutta e verdura che ci forniranno flavonoidi , betacarotene e licopene,il mix perfetto per la nostra pelle.

-Esfoliazione; sembra un controsenso...ma come , uno scrub per conservare ? Invece questo trattamento ci consentirà di eliminare le cellule morte ( ricordiamo che il ciclo di ricambio cellulare è di 28 giorni , ma ancor più lento per le pelli mature) e consentirà alle nuove di beneficiare dei raggi di cui potremmo godere anche solo passeggiando all'aperto.

-Idratazione: dentro e fuori. Abbiamo bevuto almeno un litro e mezzo d'acqua sotto l'ombrellone, continuiamo a farlo anche in città ; aggiungiamo anche centrifugati e succhi di frutta per apportare la quantità necessaria di liquidi che manterranno il nostro incarnato morbido e luminoso. Ci aiuteranno in questo anche olii naturali come quello di carota , ideale da utilizzare dopo la doccia , o quello di germe di grano .Quest'ultimo applicato con un accurato massaggio sul viso pulito ed umido ed eliminato con sapone di Marsiglia vegetale allontanerà pallori e rughe.
Il burro di Karite' è un formidabile idratante sia per il viso che per il corpo, da stendere in quantità generosa per illuminare la pelle.

-Te'nero e mallo di noce; due autoabbronzanti naturali ! Il primo va aggiunto sotto forma di infuso all'acqua del bagno ( una ulteriore raccomandazione ...usare acqua non troppo calda) o spruzzato con uno spray sotto la doccia ,il secondo come base per saponette e detergenti farà risultare il colorito più scuro e dorato.
Utili anche olio di avocado e gel di aloe vera.

Un insospettabile nemico è invece il profumo ; poiché contiene alcool il suo uso favorisce la desquamazione e potendo causare fenomeni di fotosensibilizzazione è responsabile di macchie decisamente antiestetiche.

Ricordiamoci sempre però che l'abbronzatura è in realtà una forma di difesa dai raggi solari ; con la diminuzione della loro intensità anche i meccanismi di difesa della pelle rallentano.
Per i melanociti le vacanze iniziano a ottobre...





IL PROFUMO DEL PECCATOOGGI VIENE SVELATA IN ANTEPRIMA LA CAMPAGNA DELLA NUOVA FRAGRANZA GABRIELLE CHANEL