• MW SUGGESTIONS •

Estate...Curiamo i nostri farmaci

Data pubblicazione : 06/07/2017     
Autore : Manuela Caramella



Le vacanze estive sono la più bella interruzione possibile alla routine ma non sempre riusciamo a  sottrarci anche all'assunzione delle medicine che utilizziamo abitualmente .Vediamo quindi come comportarci con esse  quando le temperature si alzano.

In linea di massima se vengono tenute per più di due giorni ad alte temperature (e con alte si intende sopra i 25°) non è detto che conservino la loro efficacia anche se la data di scadenza è lontana ; meglio quindi un luogo dove si raggiungano i 20-21°.
Il frigorifero  (a patto che non si scenda sotto i 4°) è il posto migliore per riporre insulina , analgesici , sedativi , preparazioni a base di nitroglicerina ed antibiotici . Questi ultimi , come nel caso delle tetracicline , possono diventare addirittura potenzialmente tossici se malconservati . Particolarmente termosensibili sono quelli composti da una parte liquida ed una in polvere da miscelare al momento della somministrazione poiché assai facilmente alterabili.

Le creme a base di idrocortisone , che con la loro efficacia nei confronti di eritemi , punture di insetti , pruriti diventano indispensabili d'estate , temono il calore ; tendono infatti  a scomporsi e diventano quindi inutili .
Anche il contenitore stesso va gestito con attenzione ; gli spray hanno generalmente confezioni in metallo che si surriscaldano facilmente ; in spiaggia sempre all'ombra ed in un luogo aerato.

Sempre parlando di contenitori non facciamo l'errore comune di mettere le pastiglie che ci servono (soprattutto se nelle dose ridotte occorrenti magari solo per un weekend) in un portapillole prive del loro blister originale ; urtando tra di loro subiscono sfregamenti che le sfaldano creando una polverina che altera in questo modo dosaggi ed che crea inopportune " contaminazioni".

Già …siamo in partenza , come comportarci con la farmacia che tutti quanti ci portiamo appresso? Sistemandola in una borsa termica , in particolare se in essa vi sono sciroppi , pillole anticoncezionali  , spray e strisce per i test diagnostici , tutti sensibili oltre che al calore anche alla luce.
E la borsa termica ? nel baule insieme a pinne , salvagenti o piccozze ? Niente affatto .Ricordiamoci che certi preparati vitaminici , ad esempio , hanno al loro interno complessi oleosi che si degradano facilmente ; posizioniamola quindi vicino ad un bocchettone dell'aria condizionata .

Con questi semplici accorgimenti sarà facilissimo far viaggiare i nostri farmaci in maniera " salutare".

Con la collaborazione della Dottoressa Sabrina Bisio - Farmacista 





INTERVISTA AD UN GURU DELLA BELLEZZA C'ERA UNA VOLTA LA CELLULITE...