• MW SUGGESTIONS •

CELLULITE: E' tempo di carbossiterapia!

Data pubblicazione : 02/02/2017     
Autore : Elvira Pistolesi



La dott.ssa Elvira Danila Pistolesi (www.elvirapistolesi.it) , medico chirurgo, esperto in medicina estetica e medicina anti-aging, raccomanda come sia importante ricorrere per tempo alle diverse metodiche utili per contrastare la cellulite e non ridursi a ridosso della prova bikini. Spesso, i trattamenti di questi inestetismi vanno perseguiti a lungo termine essendoci delle componenti cronico-degenerative. Una delle metodiche non invasive e con scarsi effetti collaterali è la carbossiterapia. E’ una terapia medica che consiste nella somministrazione sottocutanea, tramite aghi sottilissimi, di anidride carbonica medicale.
Tra le sue diverse applicazioni (insufficienza veno-linfatica, arteriopatie, ulcere, artropatie, psoriasi, smagliature, lassità cutanea, ecc.,.) ricordiamo il suo utilizzo nella cellulite e nella adiposità localizzata in quanto esplica un effetto di scioglimento dei grassi con diversi meccanismi:

- aumento dell’entità e della velocità del flusso ematico locale con aumento del metabolismo;

- iperossigenazione del tessuto adiposo (che promuove l’ossidazione dei grassi);

- azione meccanica diretta per la iperdistensione dei tessuti quando viene iniettata. Ciò crea una rottura della membrana delle cellule adipose oltre alla liberazione di sostanze che attivano gli enzimi lipolitici che distruggono il grasso all’interno delle cellule.

L’anidride carbonica iniettata, come gas, sottocute viene naturalmente eliminata dall’organismo con la respirazione senza alcun problema di tossicità e di embolia gassosa. Ricordiamo, a questo proposito, che fisiologicamente eliminiamo regolarmente anidride carbonica con la respirazione.
Nella cellulite le iniezioni vengono effettuate, per lo più, a livello dei fianchi, delle cosce, dei glutei, alla faccia interna del ginocchio, nelle braccia, nell’addome. Il tempo di inoculo del gas è di qualche minuto per zona.
Si eseguono una o due sessioni alla settimana per un totale di circa 10-15 trattamenti consecutivi. Il ciclo può essere ripetuto da 2 a 3 volte l’anno a seconda delle problematiche da trattare. Utile una sessione di mantenimento ogni 4-6 settimane. La carbossiterapia può essere eseguita anche in estate.
E’ un trattamento da utilizzare da solo o in abbinamento con il linfodrenaggio e la mesoterapia (iniezione intradermica di principi attivi) poiché ne implementa l’efficacia.
Effetti collaterali sono la comparsa di qualche livido ed un po’ di dolore durante la somministrazione soprattutto durante le prime sedute.





LA BELLEZZA AL FESTIVAL DI SANREMO CON CASASANREMO LIMONI BEAUTY LOUNGETENUE DE SOIREE BY ANNICK GOUTAL: REGALO PERFETTO PER SAN VALENTINO