• MW SUGGESTIONS •

"No..seriamente...pedala!..."

Data pubblicazione : 18/05/2017     
Autore : Manuela Caramella



Che gli italiani amino sempre di più le due ruote è risaputo ; la vendita di biciclette è aumentata esponenzialmente negli ultimi anni e le città più attente  realizzano percorsi ciclabili adatti a chi voglia soddisfare il desiderio di una passeggiata in totale relax.
Ma quando tutto questo da svago si trasforma in passione è necessario avere le informazioni giuste per poterne godere pienamente.
E chi meglio di Andrea Libanore può venirci in aiuto ? Consigliere Nazionale della Federazione Italiana Triathlon , Presidente della Società Sportiva Raschiani Triathlon Pavese , Powerman a Zofingen nel 2012-13-14 delle migliaia di chilometri che percorre sulle strade ogni anno quelli che ama di più sono  su due ruote…

Presidente…ciclismo per tutti ?
Direi proprio di sì , guidati , è il caso di dirlo , dal senno. Una ottimale condizione fisica , valutabile con una seria visita sportiva , è condizione imprescindibile per ogni pratica sportiva e ovviamente  anche per questo sport dove la resistenza è basilare .
E' uno sport in certo senso meno depauperante di altri  , a patto di osservare semplici accorgimenti come alimentarsi prima di ogni allenamento con cibi facilmente digeribili e soprattutto idratarsi molto per non subire dei cali dovuti alla , diciamo così , mancanza di " carburante".
Gli orari di allenamentoin settimana inoltre sono legati alle condizioni di luce , non tanto a quelle climatiche , anche se fare gli eroi durante una tormenta non è mai consigliabile ( sorride…). Va ricordato comunque che affinché un allenamento sia efficace deve durare almeno due ore. Perfette in questo caso le gare granfondo e cicloturistiche , non competitive e comunque con la supervisione di una organizzazione vera e propria che dovrebbe consentire di correre in tutta tranquillità.

Quindi saltiamo in sella e via…
Beh…non propriamente ; quando si decide di fare sul serio è sempre opportuno affidarsi ad  esperto ,quale il preparatore della nostra Società Andrea Re, che stabilisca tempistiche e distanze da affrontare adeguate alle esigenze del singolo. Un approccio graduale è sempre consigliabile ; prima di preoccuparci di quanto credo sia fondamentale comunque vedere come…

E qui si parla di attrezzatura , giusto ?
Esatto . Un equipaggiamento inadeguato finisce col rendere l'allenamento sgradevole se non addirittura pericoloso . Basti pensare a come ci si ritrova dopo ore sul sellino senza gli appositi pantaloni imbottiti o con scarpe che non hanno attacchi giusti.
I guanti poi non sono un vezzo da ciclista stiloso ma proteggono le mani da sbucciature causa caduta , che è ahimè sempre in agguato.
Il costo di tutto ciò che occorre  è mediamente contenuto ; solo su una protezione non lesinerei …il caschetto.
Vedo purtroppo ancora troppi che non lo indossano anche se i materiali oggi in uso lo rendono confortevole ; proteggere la testa è il primo modo per stare in strada usandola bene .

Sullo stare in strada apriamo un dibattito…
Capitolo spinoso. E' recentissima l'introduzione in Senato del ddl 2658 secondo cui cui chi sorpasserà un ciclista a meno di un metro e mezzo potrà essere sanzionato con multe che possono oscillare tra 163 e 651  euro e con la sospensione amministrativa della patente  tra i 30 ed i 90 giorni e fino a sei mesi per i neopatentati. Sul fronte opposto vedo troppo spesso ciclisti ignorare i semafori rossi per non perdere una manciata di minuti ;  quel che posso dire è che automobilisti e riders sono spesso la stessa persona . Basterebbe che ci si ricordasse com'è  la vita dall'altra parte della barricata …e si usasse comunque buonsenso e rispetto.
Quelli da insegnare ai piccoli ciclisti
I bimbi che decidono di accompagnare i genitori sulle due ruote sono sempre di più ; è scientificamente dimostrato che il senso dell'equilibrio si acquisisce entro gli 8 anni e quindi , da quest'età in poi ,i bambini possono mettersi in sella con una certa tranquillità . Soprattuto per loro comunque una guida è fondamentale ed è per questo che grazie alla passione di Raffaele Gerbi , Andrea Pizzamiglio e Massimo Ghelfi il Raschiani Triathlon ha avviato dei corsi a Lacchiarella , Paullo e prossimamente anche a Pavia dedicati a piccoli atleti che non dimentichiamo mai debbano comunque avere come primo obiettivo il divertimento.

Grandi biciclette grandi ciclisti…quanta è vera questa equazione ?
In realtà troppo spesso grandi biciclette grandi sogni ( sorride divertito ..) Spesso si confonde il prezzo con la validità ; in realtà è ovvio che a parità di gambe risulta avvantaggiato chi ha un mezzo tecnologicamente più avanzato e conseguentemente costoso ma il fattore basilare nella scelta è che risponda all'uso pereciso che ne dobbiamo fare. Per questo che è fondamentale ricorrere ai consigli di specialisti del settore che siano in grado di preparare una bici "taylor made".
Non ci resta che ringraziare Andrea Libanore per aver tirato la volata anche a noi verso il  mondo delle due ruote…

www.triathlonpavese.it
www.raschiani.it





BULGARI E NARCISO RODRIGUEZ vincitori del premio accademia del profumo 2017 LA MER IN CAMMINO VERSO UN FUTURO MERAVIGLIOSO