fbpx

La Portugal Fashion Week SS 2020 torna sotto i riflettori del panorama internazionale

View Gallery 12 Photos
17503
17504
17505
17506
17507
17508
17509
17510
17511
17512
17513
17514

Si è svolta a Porto la 45 edizione , di Portugal Fashion week promossa da ANJE e ATP, dal 23 al 26 ottobre nella magica città dove Alfandega do Porto, un tempo la vecchia dogana ora Congress Centre, è diventata la sede delle sfilate. Oltre 30 collezioni hanno sfilato per la Spring-Summer 2020 tra i quali brand conosciuti del fashion system portoghese come l’ultimo giorno del calendario, Marques Almeida alla fondazione Serralves Viero e Alexandra Moura, che aveva preso parte all’ultima fashion week milanese di Settembre . Tra questi molti giovani creativi internazionali e molte le collezioni maschili rispetto a quelle femminili i cui stili, tra streetwear e sartorialità han dimostrato ampia scelta di offerta stilistica a livello internazionale. David Catalan ad esempio ha presentato una collezione dalle linee pulite e tagli sportivi ma classici, con una raffinata palette cromatica.
La collezione di Estelita Mendonca ha sfilato ispirata da un linguaggio estetico proponendo un uomo moderno ma allo stesso tempo dedito allo sport.
Duarte si concentra nel mixare diversi tessuti attraverso l’uso di pellami ,maglieria e tessuti tecnici con stampe artigianali.
Miguel Veira ha sfilato proponendo una collezione maschile e femminile molto interessante , completi a forti fantasie maschili e per la donna abiti eleganti dai colori verde menta, smeraldo, beige, blu bordeaux e fantasie audaci. Marques Almeida in una cornice davvero unica, nei giardini del museo della fondazione Serralves Viero, ha proposto una donna denim rock, con un gusto londinese ma conservativo.
Sempre in una cornice perfetta, al tramonto, sulla riva del fiume Dongo, Diogo Miranda ha fatto sfilare delle modelle che sembravano appena uscite da un set cinematografico ispirandosi ad un’icona elegante dai colori accesi blu, beige, verde con ricchi dettagli che esaltavano l’aspetto di una donna romantica ma allo stempo tempo grintosa. Sophia Kah ha proposto una collezione romantica con cappelli a tesa larga e dai toni morbidi con ricami e finiture di abiti lunghi gipsy.
Nelle sale espositive della dogana dove hanno avuto luogo le sfilate, esponevano anche otto marchi di calzature e quattro brand specializzati nel settore kidwear, di particolare interesse ho trovato la collezione sartoriale Davii dal taglio couture nei giochi del bianco e nero con disegni geometrici e optical.
Durante la settimana della moda si è parlato anche di sostenibilità con ospiti di rilievo come Marina Spadafora coordinatrice per l’Italia di Fashion Revolution che ha parlato del tema sostenibilità . In concomitanza si è svolta la Prima Biennale del design aperta fino all’8 Dicembre, Post Millenium Tension dedicata al design ed ai materiali riciclabili.
Alcuni marchi italiani hanno partecipato come Adelaide Carta una collezione di borse composte al 100% da fibre naturali (cotone organico, cotone, lino di lino) vegetali, viscosa,
o riciclati. Sempre tra i brand sostenibili Nycole presenta il suo impegno alla sostenibilità con un guardaroba casual, basato su pezzi di design più puliti e versatili, con sfumature di arancio rosso e blu. Sensify è un altro brand portoghese di produzione locale, le collezioni sono fatte di fibre naturali come il bamboo, cashmere , lino e seta certificate GOTS Units.

Elisabetta Zenatello

Redazione Montenapoleoneweb

Montenapoleone Web è un progetto editoriale digitale che ha l’obiettivo di diventare un punto di riferimento autorevole nel campo del fashion, del design e del life-style. E’ la voce ufficiale di quello che accade nel quadrilatero della moda più famoso al mondo e in generale in tutta Milano. Infine è anche un luogo di interazione per chi è appassionato dei nuovi trend e vuole confrontarsi con i protagonisti di questo settore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.